I danni invisibili del web (prima e durante il Covid) — Cat Reporter79

Secondo il rapporto “Infosfera” sugli italiani e internet realizzato dall’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, il 95% del campione usa quotidianamente internet, il 70% lo fa per più di tre ore al giorno e il 32% per più di cinque ore, mentre la metà assoluta di questo tempo è dedicata ai social. Ancora, l’82% degli […]Continua a leggere “I danni invisibili del web (prima e durante il Covid) — Cat Reporter79”

ONLINE SECURITY GUIDE FOR EVERY WOMAN

  _“No matter what I did – he found me. Now I know how he did that… ” “Wow, yes it really is an eye-opener!” “This is the first time anyone’s been able to shed any light at all on this – usual authorities seem to be clueless…”_ WHO IS THIS GUIDE FOR? Everyone, everywhere.Continua a leggere “ONLINE SECURITY GUIDE FOR EVERY WOMAN”

Il Congresso USA svende la privacy degli americani

È di pochi giorni fa la notizia che il Congresso americano ha approvato una norma che consente agliInternet service provider di vendere a terzi, compreso agenzie di marketing e agenzie governative, i dati di navigazione dei loro utenti, senza alcuna necessità di chiedere preventivamente il loro consenso. In realtà il provvedimento non fa altro cheContinua a leggere “Il Congresso USA svende la privacy degli americani”

Ddl contro fake news, Ziccardi: “Testo liberticida, tra Orwell e Kafka. Punta a controllare dissenso e informazione” 

Un testo confuso, che punta ad attaccare il libero dissenso in rete e confonde fake news e pedopornografia. In più, Internet non è il far west, ma un luogo già “iper regolamentato” dove non deve essere un legislatore o un provider “sceriffo” a censurare le informazioni. Giovanni Ziccardi, professore di Informatica giuridica all’Università degli Studi di Milano,Continua a leggere “Ddl contro fake news, Ziccardi: “Testo liberticida, tra Orwell e Kafka. Punta a controllare dissenso e informazione” “

Appunti sul Social-fascismo. La condivisione delle «idee senza parole» 

  di Alberto Prunetti * 0. Ieri: la lingua del duce Le retorica teatrale di Mussolini ̶ perentoria, decisionale, volontaristica, carica di iperboli e di allitterazioni  ̶ non doveva convincere ma sedurre: era magia fonetica priva di semantica. Il suo lessico era povero di elementi tecnici ma carico di velleità nominaliste che attingevano ora dal registroContinua a leggere “Appunti sul Social-fascismo. La condivisione delle «idee senza parole» “

Giornata Europea “Libertà, non paura” 2008

Sorveglianza, sfiducia e paura stanno gradualmente trasformando la nostra società in un gregge di acritici consumatori che non hanno “nulla da nascondere” e che – in un fallimentare tentativo di ottenere una completa sicurezza – sono pronti a cedere le loro libertà civili.