Calpestare libertà e diritti – 

Si riducono gli spazi di per la società civile in difesa dei diritti umani . Articolo di Francesco Martone     Si calcola che almeno sei miliardi di persone nel mondo vivano in paesi dove la libertà di opinione, associazione, iniziativa sociale e politica, la possibilità di organizzare campagne per i diritti civili, sociali, ambientali sono inContinua a leggere “Calpestare libertà e diritti – “

Fabo è libero, la politica ha perso. Quale risposta dare ai cittadini?

Il nuovo Welby era il simbolo dell’Associazione Luca Coscioni nella battaglia per una legge sul fine vita, ancora assente in Italia. È morto questa mattina in una clinica Svizzera, costretto all’esilio per liberarsi da una condizione di vita insopportabile. Tre i suoi appelli al Parlamento accolti con altrettanti silenzi e inspiegabili rinvii della discussione sul biotestamentoContinua a leggere “Fabo è libero, la politica ha perso. Quale risposta dare ai cittadini?”

Stati d’emergenza, uno dietro l’altro 

Con “l’attacco al cuore dell’Europa”, il terrorismo islamista pone ancora una volta le democrazie e gli stati di diritto di fronte alla terribile e fallace scelta tra libertà e sicurezza. Come dopo l’11 settembre statunitense, già in Francia, all’indomani della crudele notte del 13 novembre sono stati adottati provvedimenti eccezionali, con una esplicita subordinazione delle garanzie dello stato […]Continua a leggere “Stati d’emergenza, uno dietro l’altro “

’88 Emergenza e legge Reale

Intervento all’Universita’ Statale di Milano del 9/03/88 Da piu’ parti si sostiene che sia in atto un superamento della cosiddetta EMERGENZA. Cio’ che i sostenitori di questo presunto superamento dimenticano di chiarire, e’ in che modo, al di la’ delle parole, si concretizzi, o almeno inizi a prender forma, questa trasformazione, dal momento che tuttiContinua a leggere “’88 Emergenza e legge Reale”

Giornata Europea “Libertà, non paura” 2008

Sorveglianza, sfiducia e paura stanno gradualmente trasformando la nostra società in un gregge di acritici consumatori che non hanno “nulla da nascondere” e che – in un fallimentare tentativo di ottenere una completa sicurezza – sono pronti a cedere le loro libertà civili.