Obiettivi del Millennio: i passi da gambero dell’Italia

Una riduzione di 170 milioni di euro all’aiuto pubblico a favore dei Paesi in via di sviluppo. Questi i tagli alla cooperazione internazionale previsti dalle nuove misure finanziarie. L’Italia, uno dei paesi più ricchi del mondo, torna indietro sugli Obiettivi del Millennio che si era preposta nel 2000.

Come ci rapinano, truffano e spogliano

Il peso della casta è, in questi mesi, ancora aumentato. Non c’è alcuna autorità, alcun organismo, alcun governo, che la sorvegli o la metta in riga. L’ennesimo esempio di truffa nazionale sono le bollette dove si evince che ad esmepio ENEL ha messo i clienti al suo servizio facendolgi pagare bollette gonfiate e raddoppiate. Essere senza patria costa moltissimo.

LE BASI AMERICANE IN ITALIA E IN EUROPA NON SONO SICURE

“La maggior parte” delle basi militari europee in cui vengono custodite le armi nucleari statunitensi sul continente – fra cui i siti italiani di Aviano e Ghedi Torre – non rispettano i necessari standard di sicurezza: è quanto si legge in un rapporto dell’aeronautica militare statunitense, sotto la cui responsabilità si trovano gli ordigni.

Doppio gioco: Il ritorno del caimano

E adesso, pover’uomo? Dalle parti di Walter Veltroni e del Partito democratico comincia a farsi largo il sospetto tremendo: e cioè di essere caduti come gonzi nella supertrappola di Silvio Berlusconi. Altro che lo ‘statista’, tutto sorrisi e nuova dignità istituzionale. Piuttosto l’autore di un trappolone pazzesco, una supercazzola storica, e un amo ingoiato dal Pd con tutta la lenza fino alla canna.

IL VERO VOLTO DEL CAVALIERE

Versione stampabile di Ezio Mauro (Direttore de La Repubblica) da Repubblica.it del 17 giugno 2008 Nel mezzo della luna di miele che la maggioranza degli italiani credeva di vivere con il nuovo governo, la vera natura del berlusconismo emerge prepotente, uguale a se stessa, dominata da uno stato personale di necessità e da un’emergenza privataContinua a leggere “IL VERO VOLTO DEL CAVALIERE”

Servizi. Piano internazionale che puntava a rovesciare il regime in Iran.

IL GOVERNO italiano può dichiarare una “guerra segreta” in violazione della Costituzione (art. 11: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”)? A quanto pare, sì. Nel dicembre del 2001, il governo italiano e l’allora ministro della Difesa, Antonio Martino, autorizzano l’intelligenceContinua a leggere “Servizi. Piano internazionale che puntava a rovesciare il regime in Iran.”

Occupazione dell’Iraq a tempo indefinito e preparazione dell’attacco all’Iran

Subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti – coadiuvati o meno dai propri alleati – si sono messi immediatamente all’opera per la creazione di un “mondo nuovo”, un nuovo sistema di stati, di potenze e di rapporti internazionali che garantisse la propria supremazia. Nacque così un progetto – ispirato a quello dell’ormai estinto nemico nazionalsocialista forse ? – teso al raggiungimento di tale obiettivo. Nonostante la presenza del rivale sovietico, la “piovra a stelle e strisce” non si è mai fermata e, dal 1989 in poi, ha allungato ancor più i suoi tentacoli. Molti dei piani statunitensi sono andati in porto, basti pensare al mondo economico, militare ed energetico, ove attualmente incontriamo sempre la presenza egemone nordamericana. Non basterebbe un’intera enciclopedia per riassumere le tappe di questa progressiva conquista ed espansione. Quello su cui voglio far soffermare l’attenzione del lettore, sono i modi in cui alcuni di questi processi si sono potuti realizzare.