“Women at the End of the Land”

“Women at the End of the Land” https://maptia.com/alegraally/stories/women-at-the-end-of-the-land a story by Alegra Ally & Kim Frank on @Maptia

Annunci

Dead fascist poets society: why CasaPound are no book club

Dead fascist poets society: why CasaPound are no book club

The liberal commentariat seems to be completely unable to resist the allure of the far-right. The latest example: an article on Literary Hub that portrays violent neo-fascist gang CasaPound as some sort of edgy poetry club.

Not to put too fine a point on it, Daniel Swift’s piece, Hanging Out With the Italian Neo-Fascists Who Idolise Ezra Pound, is appalling. It is the careless journalism of someone who, knowing little Italian and even less about Italian politics, has conversed with fascists and regurgitated whatever they told him. The result is a completely distorted representation of what the group is about and how they operate.

The building in which Swift’s interview takes place, which CasaPound militant Adriano Scianca’s claims they are ‘occupying’, was in fact bought for them in 2012 by none other than the Mayor of Rome, using €11.8 million of local government money. The Mayor at the time was Gianni Alemanno, a man steeped in the history of Italian fascism: a leading member of the Italian Social Movement (MSI – the postwar reformation of Mussolini’s Fascist Party) and later the far-right National Alliance; even his wife, Isabella Rauti, was the daughter Pino Rauti, ex-leader of the MSI whose name crops up in relation to numerous cases of far-right terrorism, including the 1969 Piazza Fontana bombing.

Gianni Alemanno’s son, Manfredi, would follow in his father’s far-right footsteps: in 2011, he put himself forward as a candidate for student elections at his college for Blocco Studentesco, the youth wing of CasaPound. Two years previously, after throwing Roman salutes and getting into a fight at a party, Manfredi was protected from prosecution by police with connections to his dad.

So the idea of these guys as a plucky, if rough-round-the-edges, group of rebels doing their bit for the community against all odds is laughable. They’re a far-right gang with links to both fascist terrorists and the highest echelons of Italian politics.

More interestingly, however, is how Swift depicts the group’s activity: they “arrange conferences” on Ezra Pound, the modernist poet they are named after; they house “20 homeless families”; “they collect used syringes from parks in poor neighborhoods”; “they clean bike paths”. The only mention of violence comes from a “CasaPound supporter” who, in 2011, killed two Senegalese traders in Florence. From this description, the impression is of a group engaged in cultural activities and local volunteering albeit with the odd wayward sympathiser.

And yet, the reality could not be further from the truth. To cite some examples from this year alone: in February, a group of at least 15 CasaPound militants attacked one young man after he posted a meme mocking the group on Facebook. Over the summer, uniformed CasaPound members prowled the Central Italian seaside, harassing migrant beach vendors and forcing them to leave. And even last Tuesday, the very day Swift’s article went on the Lit Hub website, Roberto Spada, related to the Spada crime family thought to control Ostia, on the outskirts of Rome, brutally assaulted a journalist who had been asking him about his support for CasaPound.

So it’s curious that for an organisation for which racism and violence are such frequent features of their activity, that so little mention would be made of that racism and violence. When Swift mentions CasaPound are housing “20 homeless families who have nowhere else to go,” he neglects to mention the proviso on which that charity is based: whites only. The ethno-nationalist underpinnings don’t get a mention and it is (to be charitable) frankly bizarre why this is so.

Even more bizarrely, Swift spends less time talking about the violence and racism of a notoriously violent racist group than he does talking about how much he enjoyed their restaurant.

Quote:

At a corner we meet a couple of other men—beards, clipped hair, grins—and we duck into the shade of an open-fronted restaurant. It looks like any other in Rome—white tablecloths, photos of minor celebrities who have eaten here—except all the waiters have tattoos up their forearms, and except that at the end, after cold antipasti, a heavy tagliatelle all’Amatriciana with fat nuggets of bacon swimming in the sauce, red wine from a carafe, bitter brown digestivo, and coffee, no bill ever came. What we are doing, Seb tells me as we eat, is not connected to money.

Waiters with tattoos, fabulous food, fine wine. And what’s this? No bill? These fascists are generous as well as cultured! Il Duce, you’re really spoiling us!

Reading the article, it seems Swift is bending over backwards to sanitise the reputations of as many fascists as he can. Swift discusses Pound’s Canto 72, written as the Nazi-backed Republic of Salò was in a state of collapse and where a dead fascist general says “I don’t want to go to paradise, I want to continue to fight. I want your body, with which I could still make war”. While noting Canto 72 has often been seen as the “smoking gun” of Pound’s fascism (with good reason, in my opinion), Swift is “not sure”, claiming to see “odd hesitations” in the poem. What these are, he doesn’t say. But it’s worth highlighting Mark Ford’s point that as late as 1956 Pound was still spewing fascist bile, writing that “the fuss about ‘de‑segregation’ in the United States has been started by Jews”. Of course, Swift knows this. What’s utterly baffling is why he doesn’t point this out in his article.

And yet, you can’t help but feel Swift’s article is based around what he feels is the ‘novelty’ of the situation; but that novelty is actually based on two entirely false premises. First, the idea that fascists are the working class, the downtrodden masses. And second, that the working class lack the culture to read (let alone write) literature.

Both premises are obviously and demonstrably false. Swift says he wasn’t expecting CasaPound’s “high-mindedness”; yet, fascists have always found support among artists and intellectuals. Gabriele D’Annunzio and Luigi Pirandello, two of the most famous Italian writers of the twentieth century, were both fascists from wealthy backgrounds.

Equally, the idea of the working class as some uncultured blob is also false. Working-class people not only appreciate literature but have produced a wealth of it; whether Elio Vittorini, anti-fascist resistance fighter and son of a rail worker, or the Proletarian Literature movement in Britain which produced writers like James Barke, Lewis Grassic Gibbon, James Hanley and George Garrett.

So what we have with Swift’s article is an academic who was pleasantly surprised by the “high-mindedness” of some fascists when he should know that the ‘high-minded’ (or at least a section of them) have always been drawn to fascism.

And when he imagined their ‘low-mindedness’, who do you think he was expecting? Not posh students with links to Rome’s political elite (a very real element of CasaPound’s demographic). No, he was expecting working-class men with sloping brows and dragging knuckles who could hardly string a sentence together let alone have opinions about poetry.

Ultimately, Swift seems to have really taken to CasaPound. He “warmly” shakes hands with Scianca after their interview and they agree to exchange copies of their books. Later, describing the farewells at end of his meal, he says,

Quote:

As we stand to leave I offer to shake hands with the waiter and he reaches out his right hand, with the tortoise on the forearm, and he grasps my arm just above the wrist, and smiles. We are close, this waiter and I; and for that instant bound in a frozen gesture, and even as it was strange and abrupt, it was also familiar. This is the Roman handshake I had read about.

It’s clear from these quotes that CasaPound’s activists are supposed to be sympathetic characters in Swift’s story; their benevolence has been amplified, their vices turned all the way down. The absolute wanton irresponsibility of an article like this when far-right nationalism is seeing a surge in popularity across Europe and North America is abundantly clear but perhaps some people need it spelt out for them: fascists are in a coalition government in Austria; they have entered German parliament for the first time since the war; they are killing people on trains and at demonstrations and have set up militias in America; their extremism is increasingly turning into the talking points and policies of mainstream politics. Now is not the time to be writing puff pieces about how charming they are and how interesting their take on Ezra Pound is.

At one point Swift declares, “I wanted them to like me.” After his glowing write up, I have absolutely no doubt they will.

http://libcom.org/blog/dead-fascist-poets-society-why-casapound-are-no-book-club-10112017

 

Congelate le sanzioni per lo smog all’Italia. L’Europa rinvia tutto a dopo le urne

Slitta il deferimento: altri sei mesi di tempo

I limiti giornalieri di particolato Pm10 risultano essere violati regolarmente in trenta zone di numerose regioni, fra cui Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto

Leggi anche
820
0

Pubblicato il15/11/2017
Ultima modifica il 15/11/2017 alle ore 07:38

marco zatterin

Il deferimento dell’Italia alla Corte di Giustizia Ue per le violazione delle norme comunitarie sulle emissioni di polveri sottili Pm10 è rinviato al dopo elezioni. Nel governo c’è chi è convinto che si tratti di un successo, come se lungo la penisola non morissero 250 persone al giorno per la tossicità dell’aria che respiriamo. La Commissione europea, clemente quando si approssima l’apertura delle urne, ha accolto il pressing del ministro Galletti e deciso di congelare il dossier. E’ una cautela apprezzata e apprezzabile che, però, è difficile da accettare sino in fondo quando in gioco ci sono migliaia di vite umane.

 

È un problema immenso che purtroppo non ammette soluzioni semplici. Esistono faldoni di piani e strategie, molte delle quali anche messe in pratica, eppure si diventa facilmente dei Don Chisciotte a furia di duellare col cambiamento climatico, i riscaldamenti da tarare, l’efficienza energetica da migliorare, il traffico folle delle città, le amministrazioni non sempre bersagliere nel rispondere alle emergenze e pure il pallet, star di fine decennio, pure accusato di effetti tossici. Fatto sta che in Italia il problema dell’aria resta drammatico. L’agenzia Ue dell’ambiente dice che il Belpaese nel 2012 ha registrato 84.400 decessi prematuri per colpa dello smog, su un totale continentale di 491 mila. Dati che al ministero della Sanità invitano a «prendere con le pinze» e in effetti la cautela è d’obbligo. Ma nascondere il problema non serve e non aiuta.

 

A fine aprile la Commissione Ue ha inviato a Roma una lettera con un parere motivato, seconda fase della procedura di infrazione avviata da tempo. La richiesta era perentoria: adottare «azioni appropriate» per comprimere le emissioni di particolato Pm10. I limiti giornalieri risultano essere violati regolarmente in trenta zone di numerose regioni, fra cui Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. La soglia annuale prevista dalle norme che l’Italia ha contribuito a definire, è superata gravemente soprattutto nella provincia di Torino.

 

Come impongono le regole dei Ventotto, l’esecutivo Ue ci ha chiesto di presentare un piano di azioni concrete «entro due mesi» (cioè fine giugno). E come insegna la consuetudine ci ha concesso più tempo. Tanto che la delibera sul rinvio alla Corte era attesa per inizio dicembre (quattro mesi in più, visto che agosto non si conta), con un parere tecnico che bocciava nel suo complesso l’Italia, riconosceva l’attività costruttiva di emiliani e piemontesi, lamentava quello che risultavano essere le troppe distrazioni del lombardo-veneto. «Portiamoli a Lussemburgo», era il verdetto scontato che apriva la possibilità che una condanna della massima magistratura Ue desse la stura a multe che potrebbero diventare miliardarie.

 

Il ministro Galletti, non in solitudine, ha negoziato il rinvio. Ha fatto pressing. A Bruxelles, riferiscono due fonti, hanno deciso di venirgli incontro, perché «non bisogna iniettare nuovi elementi di perturbazione della campagna elettorale». Il governo poteva magari incassare il deferimento e giocarlo contro le regioni a guida leghista; non è successo. Così ora la corsa al voto ha una rogna di meno (davvero?) e abbiamo altri sei mesi per fare quello che non si è fatto in anni e anni, allungabili se la cerca del nuovo premier dovesse andare per le lunghe. O almeno a cominciare a farlo. Intanto, se le statistiche con le pinze sono vere, ci saranno state altre 40 mila vittime che la nuova legislatura potrà commemorare. Uccise dall’aria cattiva. E da chi doveva salvarli ed è stato a guardare.

fonte:http://www.lastampa.it/2017/11/15/italia/cronache/congelate-le-sanzioni-per-lo-smog-allitalia-leuropa-rinvia-tutto-a-dopo-le-urne-AO98h0Be5lpDyNJDpuAT5M/pagina.html

«Aiutiamoci a casa loro», il caso Etiopia

[di Giulia Franchi] pubblicato su Il Manifesto del 9 settembre 2017

In Etiopia da due anni è in atto una tremenda stretta repressiva. Lo ha confermato lo scorso aprile, durante un’audizione parlamentare, la stessa Commissione Etiopica per i Diritti Umani, che ha indicato in ben 699 le persone uccise dalle forze di sicurezza nel corso delle varie manifestazioni di piazza tenutesi per protestare contro l’operato del governo.

Ora c’è una situazione di calma apparente. Dopo dieci mesi è stato revocato lo stato di emergenza, tanto ormai il dissenso politico è stato cancellato, messo sotto chiave dall’applicazione della draconiana legge anti-terrorismo del 2009. In Etiopia, è bene ricordarlo, i mezzi di comunicazione sono appannaggio del governo e i giornalisti «dissenzienti» possono solo scegliere tra autocensura, esilio o arresto. L’esecutivo non si crea scrupoli a limitare l’accesso ai social media.

Insomma, uno di quei paesi, e non sono pochi, con i quali Palazzo Chigi non riesce a non fare amicizia. E gli amici, si sa, non vanno mai imbarazzati.

FACCIAMO UN PICCOLO salto indietro nel tempo. È il luglio 2015, Matteo Renzi è uno dei pochi capi di governo presenti ad Addis Abeba in occasione della Conferenza dell’Onu sul Finanziamento allo Sviluppo. Prima della fine del vertice, Renzi aveva salutato tutti ed era volato 400 chilometri più a sud, nella valle dell’Omo, per una foto ricordo sulla diga Gibe III, il mega impianto idroelettrico dell’italiana Salini-Impregilo, meritevole, secondo lui, di «portare in alto il Tricolore». Un viaggio, quello in Etiopia, bissato qualche mese dopo dal Presidente Sergio Mattarella. Proprio mentre nel sud dell’Etiopia contadini e pastori della Valle dell’Omo denunciavano il deterioramento delle loro condizioni di vita a causa della diga e dei furti di terra a essa collegati, il Capo dello Stato omaggiò il contestatissimo governo di Haile Mariam Desalegn, avallando l’indissolubile rapporto di amicizia che ci lega all’Etiopia. Amicizia che in gergo geopolitico significa condivisione profonda delle strategie di sviluppo del Paese, dai cui vantaggi l’Italia non intende rimanere esclusa.

EVIDENTEMENTE NON era bastata la poco onorevole storia della diga Gibe I sul fiume Omo, la cui costruzione nel 1999 a opera della stessa Salini aveva provocato lo spostamento forzato di circa 10mila persone. E neppure la «controversa» esperienza di Gibe II, costruita sullo stesso fiume dalla solita Salini, (e parzialmente crollata nel 2011 a meno di una settimana dall’inaugurazione) con un contributo di 220 milioni di euro di soldi pubblici, elargito in circostanze che suscitarono scandalo e stimolarono l’interesse della magistratura. E tantomeno la ormai tristemente famosa Gibe III, quella della foto-ricordo di Renzi, che sta affamando centinaia di migliaia di persone tra Etiopia e Kenya.

IL BACINO ARTIFICIALE creato dallo sbarramento ha gradualmente sommerso i territori su cui le tribù della Valle dipendono per la coltivazione e l’allevamento e ridurrà drasticamente il livello del Turkana in Kenya, il più grande lago desertico del mondo. Circa 500mila persone in Etiopia e in Kenya si troveranno così a dover fronteggiare una catastrofe umanitaria.

Quando ci fu bisogno di trovare i finanziamenti per Gibe III, fu solo grazie ad una vincente campagna di pressione della società civile che l’Italia fu costretta a ritirarsi dal finanziamento, anche perché tutti i donatori multilaterali avevano fatto marcia indietro.

Oggi, dimostrando poca memoria storica, il nostro esecutivo si lancia in una nuova prova di forza: sarà ancora la Salini-Impregilo a realizzare la diga Koysha (nota come Gibe IV), l’ennesimo mega progetto sul già tormentato fiume Omo, in una saga destinata a non finire mai. A metterci i soldi (pubblici) tornerà a essere l’Italia attraverso la Sace, la nostra agenzia di credito all’export, che garantirà una copertura del rischio per 1,5 miliardi di euro. Nel frattempo, in linea con il triennio 2013-2015, l’Etiopia si conferma il secondo maggior beneficiario dopo l’Afghanistan dei fondi della Cooperazione italiana, tramite cui sono stati finanziati progetti per quasi 100 milioni di euro, senza mai imbarazzare l’esecutivo locale con domande sulle violazioni dei diritti umani.

IN QUESTO MODO TUTTO torna: noi suggelliamo l’amicizia con un alleato strategico che ci aiuta nella guerra al terrorismo, il Sistema Italia si rafforza, la Salini-Impregilo conta gli utili e a mettere una toppa, se qualcosa va storto, ci pensa la Cooperazione Italiana, mentre i soldi veri li usiamo per «aiutare i migranti a casa loro». Merkel docet.

Poco importa che l’Etiopia sia di fatto una zona off-limits per chi prova a capire cosa si muova realmente al di là della narrativa ufficiale.

NEL DICEMBRE 2015, anche noi di Re:Common ci eravamo recati lì. Ma il viaggio si rivelò monco, perché ci fu impedito di avvicinarci alle zone «calde», di parlare con chi si oppone all’impetuoso «Piano di Crescita e Trasformazione», modellato su grandi infrastrutture e sviluppo agroindustriale intensivo, a discapito delle componenti più povere e fragili del Paese. Esperienza che ci portò a raccontare quanto accaduto nel rapporto «Cosa c’è da nascondere nella Valle dell’Omo?».

Del resto è dal 1500 che esiste la ragion di stato come politica dotata di regole proprie e ubbidiente a una logica tutta sua, in nome della quale tutto diventa sacrificabile, con buona pace di quanti si sono sforzati di conciliarla con etica e morale.

ECCOLE ALLORA SVELATE le ragioni di stato del nostro Paese: petrolio, gas, armi, grandi infrastrutture, a cui ora si aggiunge la necessità di stringere alleanze con chicchessia per dimostrare che siamo pronti a tutto pur di porre fine al «problema dei migranti». Al cospetto di ciò, ogni altra questione diventa poca cosa. Che si tratti della sorte delle migliaia di persone arrestate e cacciate dalle loro case dall’esecutivo dell’amico etiopico, degli oltre 4mila morti yemeniti sotto le bombe saudite (di fattura italiana) o della vita di uomini e donne imprigionati nei centri di detenzione in Libia. Così come del destino degli attivisti perseguitati in Azerbaigian o di quello dei 40mila prigionieri politici blindati nelle carceri egiziane.

O, ancora, di scoprire la verità sull’efferato omicidio di un giovane ricercatore italiano al Cairo.

fonte:http://www.recommon.org/aiutiamoci-a-casa-loro-il-caso-etiopia/

Factory-Like Schools Are the Child Labor Crisis of Today

Most American children and teenagers wake early, maybe gulp down a quick breakfast, and get transported quickly to the building where they will spend the majority of their day being told what to do, what to think, how to act. An increasing number of these young people will spend their entire day in this building, making a seamless transition from the school day to afterschool programming, emerging into the darkness of dinnertime. For others, there are structured afterschool activities, followed by hours of tedious homework. Maybe, if they’re lucky, they’ll get to play a video game before bed—a rare moment when they are in control.

There is mounting evidence that increasingly restrictive schooling, quickly consuming the majority of childhood, is damaging children. Rates of childhood anxiety, depression, behavioral problems, and other mental illness are surging. Teenage suicide rates have doubled for girls since 2007, and have increased 30 percent for teenage boys. Eleven percent of children are now diagnosed with Attention Deficit Hyperactivity Disorder (ADHD), and three-quarters of them are placed on potent psychotropic medications for what Boston College psychology professor Dr. Peter Gray describes as a “failure to adapt to the conditions of standard schooling.”

Dr. Gray goes on to explain:

It is not natural for children (or anyone else, for that matter) to spend so much time sitting, so much time ignoring their own real questions and interests, so much time doing precisely what they are told to do. We humans are highly adaptable, but we are not infinitely adaptable. It is possible to push an environment so far out of the bounds of normality that many of our members just can’t abide by it, and that is what we have done with schools.

In the early twentieth century, concern about children’s welfare in oppressive factories was a primary catalyst for enacting child labor laws and simultaneously tightening compulsory schooling laws. Yet, for many of today’s children, the time they spend in forced schooling environments is both cruel and hazardous to their health. Gone are the oppressive factories, but in their place are oppressive schools. Where is the outrage?

In a New York Times Op-Ed article this week, author Malcolm Harris posits that young people are placed into these high-pressure, increasingly competitive schooling environments by corporate interests aiming to push job training to younger ages without having to pay for it.  He writes:

There are some winners, but the real champions are the corporate owners: They get their pick from all the qualified applicants, and the oversupply of human capital keeps labor costs down. Competition between workers means lower wages for them and higher profits for their bosses: The more teenagers who learn to code, the cheaper one is.

Harris’s solution is to encourage students to unite collectively, following a labor union paradigm, to demand better schooling conditions.  He asserts:

Unions aren’t just good for wage workers. Students can use collective bargaining, too. The idea of organizing student labor when even auto factory workers are having trouble holding onto their unions may sound outlandish, but young people have been at the forefront of conflicts over police brutality, immigrant rights and sexual violence. In terms of politics, they are as tightly clustered as just about any demographic in America. They are an important social force in this country, one we need right now.

While Harris and I agree that the conditions of forced schooling are untenable and rapidly worsening, we disagree on the solution. To suggest that students unionize to demand better compulsory schooling conditions is similar to suggesting that prisoners unionize to demand better prisons: It’s a fine idea but it’s completely futile. Children are mandated under a legal threat of force to attend compulsory schools.

The first step to addressing the oppressiveness of forced schooling and its harmful effects on children is to fight the compulsion. Rather than trying to improve the conditions of an inherently unjust, state-controlled system, the system itself must be overturned. After all, humans cannot be truly free when they are methodically, and legally, stripped of their freedom under the pretense that it’s good for all.

 


Kerry McDonald

Kerry McDonald has a B.A. in Economics from Bowdoin and an M.Ed. in education policy from Harvard. She lives in Cambridge, Mass. with her husband and four never-been-schooled children. Follow her writing at Whole Family Learning.

This article was originally published on FEE.org. Read the original article.

Amnesia generale

Fulvio Vassallo Paleologo
In Italia i media scoprono soltanto adesso tutto l’orrore dei centri di detenzione in Libia e le violenze della sedicente Guarda costiera libica, argomenti tenuti nascosti durante la campagna di aggressione contro le Ong che operavano con azioni di salvataggio nel Mediterraneo. Intanto si ripropone uno scambio tra ius soli e accordi con la Libia. Malgrado tutto conosciamo benissimo i nomi di coloro che hanno fatto gli accordi con i libici. Le loro enormi responsabilità non si cancellano

di Fulvio Vassallo Paleologo*

Prima era stato il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa,adesso arriva  una dura presa di posizione da parte delle Nazioni Unite sulle conseguenze degli accordi che gli stati europei hanno concluso in forme diverse con le milizie libiche e con alcuni sindaci, loro evidente espressione. Tutti i media del mondo documentano da tempo la condizione anche schiavistica dei migranti detenuti nei centri di detenzione in Libia dove nessun governo legalmente costituito è in grado di garantire la vita e i diritti fondamentali delle persone arrestate a qualunque titolo dalle milizie e dalle forze di polizia affiliate ai clan locali.

In Italia i mezzi di informazione hanno scoperto soltanto adesso tutto l’orrore dei centri di detenzione in Libia, e da ultimo i comportamenti illegali della sedicente Guarda costiera libica, argomenti tenuti ben nascosti per mesi durante la campagna di aggressione contro le Organizzazioni non governative che operavano attività di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo centrale.

La Guardia costiera libica, comandata dal “brigadiere” Qassem, ha espressamente confermato che i migranti “soccorsi” in mare dopo l’arrivo delle prime motovedette restituite dagli italiani sono stati riportati “nel centro di detenzione di Zawya”. Un recente Rapporto delle Nazioni Unite chiarisce quale situazione trovano i migranti ripresi in mare e sbarcati in quel porto. Anche se si tratta di contrabbando di carburante non sembra che i corsi di formazione della Guardia costiera libica abbiano prodotto la fine dei traffici che sono denunciati da anni, traffici che oltre i carburanti hanno come oggetto anche le persone che sono riprese in mare e trattenute nei centri di detenzione. E il centro di detenzione di Zawia è uno di quelli in cui, secondo le testimonianze dei migranti, si verificano gli abusi peggiori.

“The report names Zawia’s coast guard as active participants in fuel smuggling and names a Zawia militia and its leaders. It also names people smugglers and details the involvement of sophisticated international cross-border smuggling and finance rings in the smuggling process”.

Sono mesi che la sedicente Guardia costiera libica, che in realtà corrisponde alle città di Tripoli e Zawia, si arroga il diritto di scambiare la zona SAR (ricerca e salvataggio) che si è attribuita unilateralmente dopo gli accordi con il governo italiano, con una zona di assoluto controllo territoriale, di piena sovranità, nella quale potere interdire il passaggio inoffensivo di navi private che operano per attività di soccorso.

ARTICOLI CORRELATI

L’ultimo gravissimo episodio che è finito sui media di tutto il mondo, con una motovedetta libica che ha messo in moto le eliche con decine di persone in acqua, mentre era in corso un soccorso operato dalla nave Sea Watch III della omonima Ong, coordinata dalla Guardia costiera italiana, non è smentibile dalle fake newsche sono state diffuse da Tripoli e da alcuni organi di informazione italiani, comeil Giornale, in evidente collegamento con ambienti che garantiscono gli accordi italo-libici ed i rapporti economici sottostanti. Le immagini diffuse dalla Guardia costiera libica non si riferivano al soccorso operato da Sea Watch, ma ad un precedente abbordaggio di un gommone, in acque internazionali, sotto gli occhi di una nave della Marina militare italiana e della nave Aquarius della Ong SOS Mediterraneé. Episodi che si sono ripetuti in numerose occasioni, proprio per gli effetti degli accordi tra il governo italiano e la guardia costiera che fa riferimento al governo di Tripoli.

Certo l’Unione Europea ha le sue responsabilità, soprattutto per non avere garantito una politica estera comune, con continui tentativi della Francia di Macron di instaurare un rapporto preferenziale con il generale Haftar e le autorità di Tobruk, sostenuti dall’Egitto, piuttosto che con il governo Serraj sostenuto dalla comunità internazionale e dall’Italia. Ma le responsabilità degli accordi con i libici, e del loro pesante costo in termini di vite e di abusi inflitti ai migranti intrappolati in Libia o bloccati in mare, ricadono in maggior parte sul governo italiano che prima ha lanciato il Processo di Khartoum e poi con le due conferenze di Malta (novembre 2015 e febbraio 2017) si è battuto perché fosse approvato il Migration Compact proposto proprio da GentiloniAlfano, Minniti e Pinotti. Il “Migration compact” era contenuto in una lettera del premier Matteo Renzi inviata il 15 aprile  2107 ai presidenti di Commissione e Consiglio Ue, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk.

Adesso in vista della prossima campagna elettorale si ripropone uno scambio “impossibile” tra ius soli e accordi con la Libia, ma nessuno potrà cancellare dichiarazioni e documenti che segnano una responsabilità storica del governo italiano e dei suoi componenti più significativi. Nessuna alleanza è possibile con chi continua a difendere gli accordi con i libici e sostiene che hanno prodotto un risultato positivo. La riduzione di alcune decine di migliaia di arrivi non è nulla rispetto al riprodursi della clandestinità  in Italia ed in Europa che deriva dalla mancata apertura di canali legali di ingresso (anche per lavoro) e dal numero esiguo di persone ammesse a fruire dei cosiddetti corridoi umanitari.

Certo occorre parlare di Europa. I campi di detenzione in Libia possono essere chiusi solo con un impegno coeso di tutta l’Unione Europea. Non si può parlare di Europa soltanto per scaricare responsabilità del nostro governo, ma per cominciare a capire come fare per contrastare l’ondata xenofoba e razzista che continua a montare. Una proposta in Europa si è fatta , da parte del Parlamento europeo ed è stata respinta. Non saranno gli accordi con i paesi terzi come la Libia, e prima la Turchia, a permettere una accoglienza più ordinata, una possibile convivenza e la risoluzione pacifica dei conflitti, sempre più estesi, nei paesi di transito. La società civile non cadrà in questa ennesima trappola.

Il 14 novembre 2017,  l’Asgi ha impugnato davanti al Tribunale Amministrativo del Lazio il Decreto 4110/47 con il quale il ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale ha accordato al ministero dell’Interno un finanziamento di 2 milioni e mezzo di euro per la rimessa in efficienza di quattro motovedette, la fornitura di mezzi di ricambio e la formazione dell’equipaggio. Tutte attrezzature ed attività da destinare alle autorità libiche.

Sono anni che la società civile italiana denuncia il supporto economico e operativo offerto dall’Italia alla sedicente Guardia costiera libica. Vediamo se adesso ci saranno giudici in grado di rilevare le gravissime violazioni derivanti dagli accordi italo-libici e a sanzionare i responsabili.

Questo articolo è già stato pubblicato sul blog di Adif

fonte:https://comune-info.net/2017/11/amnesia-generale-gli-accordi-libia/

Giornalisti. Minniti fa primo passo per fermare attacchi

Giornalisti.

Minniti fa primo passo per fermare attacchi

Il Centro di coordinamento è una misura invocata da tempo da Ossigeno che perciò ringrazia FNSI, OdG e il Ministro dell’Interno

“Di fronte agli attacchi che hanno per bersaglio giornali, giornalisti, blogger, opinionisti, la creazione di un Centro di coordinamento per la difesa della libertà di stampa presso il Ministero dell’Interno è un grande passo avanti in un paese in cui ogni anno migliaia di attacchi di questo genere rimangono impuniti”, hanno dichiarato il presidente e il segretario di Ossigeno per l’Informazione, Alberto Spampinato e Giuseppe Federico Mennella.

“Questo Centro è il primo passo che si fa nella direzione giusta, al fine di creare – hanno aggiunto – una piattaforma pubblica attraverso cui sottoporre tempestivamente alle istituzioni pubbliche gli episodi di minacce, intimidazioni, aggressioni, ritorsioni di questo genere, in modo di impedire che violenze e abusi abbiano lo stesso effetto di un bavaglio. Ossigeno propone da tempo in ogni sede la creazione di un organismo di questo tipo e ringrazia perciò la FNSI e l’Ordine dei Giornalisti per avere fatto propria questa proposta. Ringrazia altresì il ministro dell’Interno, Marco Minniti, che ha avuto la sensibilità di accogliere la proposta. Per una efficiente protezione della libertà di stampa sarà necessario fare altri passi. È incoraggiante che oggi si sia fatto il primo”.

fonte:https://overthedoors.it/in-evidenza/giornalisti-minniti-fa-primo-passo-per-fermare-attacchi/

Education Is the State’s Greatest Tool for Propaganda

In chapter 10 of The Road to Serfdom, Hayek describes how some of the worst people always end up rising to the top of the political heap. Continuing to touch on this theme in the eleventh chapter, Hayek digs even deeper and discusses the control of information and the very basis of truth in a planned society.

In a society where totalitarianism reigns, truth is found not in objective principles, but in a government’s desired ends. Once these ends have been established, all other forms of information are tailored to reinforce that “truth.” Reason is henceforth thrown out the window and the state’s version of truth is beyond contestation. As George Orwell wrote:

Nazi theory indeed specifically denies that such a thing as “the truth” exists. … The implied objective of this line of thought is a nightmare world in which the Leader, or some ruling clique, controls not only the future but the past. If the Leader says of such and such an event, “It never happened” – well, it never happened. If he says that two and two are five – well, two and two are five. This prospect frightens me much more than bombs.

But this on its own is not enough to sway entire nations. Instead of the people merely accepting these “truths” it is important that the state convince them that these truths are their own. When individuals begin to tie their interests to the state’s interests a terrifying unity occurs, the likes of which can be seen in almost every deceptive dictatorship throughout history.

As Hayek says:

The most effective way of making everybody serve the single system of ends toward which the social plan is directed is to make everybody believe in those ends. To make a totalitarian system function efficiently, it is not enough that everybody should be forced to work for the same ends. It is essential that the people should come to regard them as their own ends.”

There is no greater tool for propaganda than a nation’s education system.

 

In order to do this, all propaganda is orchestrated to reinforce these ends in order to push individuals in the desired direction. Common themes and slogans are repeated over and over again in order beat these goals into the minds of the people. Anything contrary to the end goal must be squashed immediately. Anyone speaking out against them must too be destroyed in the name of national security. As Hayek says, “But the minority who will retain an inclination to criticize must also be silenced.”

And while most people associate propaganda with political posters and multimedia, there is no greater tool for propaganda than a nation’s education system.

State-Controlled Education

No matter how intelligent an individual may be, almost every person is susceptible to propaganda. This is because, in many instances, most are unaware that they are falling prey to it. It seeps into our lives through all forms of entertainment but most especially through state-sponsored education.

In Nazi Germany, indoctrinating the youth was one of the easiest ways to ensure the fervent support of future generations. Adolf Hitler himself said, “He alone, who owns the youth, gains the future.” Children were forced into youth groups where their role in the Third Reich was reinforced continually. Germany even tailored toys, games, and books towards the desired ends of the Reich, ensuring that children would believe whatever they wanted them to believe.

Hayek writes:

If all the sources of current information are effectively under one single control, it is no longer a question of merely persuading the people of this or that. The skillful propagandist then has power to mold their minds in any direction he chooses, and even the most intelligent and independent people cannot entirely escape that influence if they are long isolated from all other sources of information.”

And this was the aim of the Third Reich. If the German people were to not only accept but condone the acts of their government, there was no better way to do it then to teach them young, and lead them to believe that this has always been the case.

Touching on this, Hayek says:

The most effective way of making people accept the validity of the values they are to serve is to persuade them that they are really the same as those which they, or at least the best among them, have always held, but which were not properly understood or recognized before.”

No matter how intelligent an individual may be, almost every person is susceptible to propaganda.

 

Or, to pull from Orwellian speak, the goal is to make these children believe that, “we have always been at war with Eastasia.”

But this deliberate molding of minds does not only occur in young students. In fact, once these children’s minds have been sufficiently indoctrinated, they are passed off to institutions of higher education where a belief in intellectual elitism is then instilled.

The Educated Elite

Trained to learn by rote methods rather than critical thinking, young adults, eager to assert their independence, were thrown into colleges and universities and told that they are now part of the intellectual elite. But from this comes the dangerous tendency to stop questioning the information that is presented to you. After all, your professors are highly regarded for their intellect. Why would they steer you in the wrong direction?

But when these professors begin to present state opinion as unquestioned truth, this is where the real problems arise.

The field of eugenics, for example, was once taught as if it were doctrinal truth. If racial superiority could be “scientifically” proven, or, rather, if the state could assert that this was fact, then questioning this doctrine became heresy.

As Hayek says:

The need for such official doctrines as an instrument of directing and rallying the efforts of the people has been clearly foreseen by the various theoreticians of the totalitarian system. Plato’s “noble lies” and Sorel’s “myths” serve the same purpose as the racial doctrine of the Nazis or the theory of the corporative state of Mussolini. They are all necessarily based on particular views about facts which are then elaborated into scientific theories in order to justify a preconceived opinion.”

And, as has been seen throughout history, once a theory becomes part of the scientific narrative, it contributes to the direction of all societal ends. Hayek comments on this saying, “Thus a pseudoscientific theory becomes part of the official creed which to a greater or lesser degree directs everybody’s action.” While the eugenics example may seem rather extreme, it was very applicable to the time that Hayek was writing.

And while it is not easy in hindsight to understand how an entire population could fall for theories this callous, Hayek reminds us, “It is not difficult to deprive the great majority of independent thought.”

It may be easy to cast blame on the media and the entertainment industry for being natural propaganda machines, but history tells a different story. As we have now seen, state-controlled education is one of the worst and most effective propaganda tools that has ever existed.

 


Brittany Hunter

Brittany Hunter is an associate editor at FEE. Brittany studied political science at Utah Valley University with a minor in Constitutional studies.

This article was originally published on FEE.org. Read the original article.

Cosa sono i “Paradise Papers” e chi è ICIJ, il più grande consorzio investigativo al mondo

[a cura di Andrea Zitelli]

Dopo i “Panama Papers”, una nuova inchiesta giornalistica internazionale dell’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ) rende pubblici gli investimenti milionari in società offshore di importanti politici, sportivi, personaggi dello spettacolo, imprenditori, manager e anche reali.

leggi tutto

Una mappa interattiva della sequenza di Amatrice-Visso-Norcia

INGVterremoti

Ad un anno dall’evento sismico di magnitudo 6.5 del 30 ottobre 2016 la sequenza sismica di Amatrice-Visso-Norcia continua a far registrare numerosi terremoti ogni giorno nell’area. Una quarantina in media, ad esempio, gli eventi giornalieri registrati in questi ultimi giorni, tutti di magnitudo molto bassa con pochi terremoti superiori a magnitudo 2.0.  Dal 24 agosto ad oggi il numero di eventi ha ormai superato la quota di 78.500, la maggior parte di magnitudo inferiore a 2.0. Infatti se consideriamo solo gli eventi al di sopra di questa soglia sono poco più di 12.000.

Numero giornaliero di terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale e cumulata del numero degli eventi sismici nell’area della sequenza (aggiornamento 30 ottobre 2017).

La sequenza di Amatrice-Visso-Norcia è stata anche caratterizzata da diverse importanti fasi temporali a partire dal 24 agosto 2016 fino ai primi mesi del 2017. Queste fasi, ben evidenziate anche nei picchi…

View original post 471 altre parole

Ägypten: Das Schicksal eines Menschenrechtsverteidigers beunruhigt Diplomaten.

Ägypten: Das Schicksal eines Menschenrechtsverteidigers beunruhigt Diplomaten Von Eleanor Abou Ez (mit afp) @ GeopolisAfrica | Veröffentlicht am 07.11.2017 um 14 Uhr Ein ägyptischer Polizeibeamter bringt Tahrir am 25. Januar 2017 nach Kairo.© STRINGER / AFP Das ägyptische Außenministerium hat am 5. November 2017 die Einberufung von Botschaftern aus fünf westlichen Ländern nach der Veröffentlichung einer Erklärung angekündigt, […]

via Ägypten: Das Schicksal eines Menschenrechtsverteidigers beunruhigt Diplomaten. — nz

Dear scaredy-cat politicians, especially you, Government, — juxtaposed

Dear scaredy-cat politicians, especially you, Government, Re: Brexit You do not have to tell the electorate that “they got it wrong”. You have to tell the electorate that YOU got it wrong. You have to tell them that research, debate and wise counsel have made you realise the scale and scope of the risk. You […]

via Dear scaredy-cat politicians, especially you, Government, — juxtaposed

Aung San Suu Kyi, le viscere della santità

 C’è poco da fare: la persecuzione e il massacro della minoranza musulmana dei Rohingya a Myanmar non ammettono reticenze né silenzi sulle enormi responsabilità del governo e della sua esponente più nota, Aung San Suu Kyi. Intorno al caso della leader birmana, c’è tuttavia un tentativo meschino di screditare a posteriori anche la lunghissima lotta contro il regime dei militari che le era valsa il Nobel per la pace. Ne sono protagonisti soprattutto alcuni dei beatificatori della prima ora, coloro che ne avevano fatto una santa o un’eroina, dipingendola – in modo quasi farsesco – come una Giovanna d’Arco dei tempi moderni. Quella costruzione, scrive Mimmo Cortese, era culturalmente e politicamente già finalizzata, più o meno consapevolmente, all’esito di oggi: se anche una santa e un’eroina senza macchia tradisce i suoi stessi valori e crolla in modo fragoroso dal piedistallo su cui era stata posta, chi potrà mai sperare di esprimere una resistenza tanto tenace e radicale senza ricorrere all’uso simmetrico degli stessi mezzi degli oppressori? Intanto, a fine novembre, papa Francesco vola a Naypydaw, la sontuosa città costruita quasi in segreto dal regime e proclamata capitale di Myanmar nel 2005

Rifugiati del Rohingya. Foto https://gdb.voanews.com

di Mimmo Cortese

Ciò che sta accadendo alla minoranza musulmana dei Rohingya, in Birmania, è gravissimo: un massacro generalizzato e la messa in fuga di un intero popolo. I fatti sono stati accertati da più parti, agenzie internazionali, ONG e molti seri reporter hanno documentato chiaramente ciò che sta succedendo. Non sono quindi accettabili reticenze, silenzi e men che meno bugie da parte del governo di Yangon e della sua esponente più importante e conosciuta, Aung San Suu Kyi.

Le pur vistose attenuanti – legate alla “pasta” sanguinolenta e nauseabonda di cui è fatta la casta militare birmana, che ha ancora saldamente in mano i ministeri della Difesa, degli Interni e dei Confini, un vicepresidente, il 25% dei parlamentari, nominati per legge, e una Costituzione che consente loro ampi margini di potere e di manovra, tra i quali anche l’impossibilità di modifiche alla carta fondamentale del paese senza i voti dei rappresentanti dell’esercito e che potrebbe, in ogni momento, operare un colpo di mano, riportando il paese nei tempi più bui – non possono essere una giustificazione per la Lady.

Le iniziative di denuncia e di pressione che vengono da attivisti, associazioni e ONG sono sacrosante e vanno sostenute con forza e determinazione. Giusti e condivisibili i richiami forti e autorevoli di molti Nobel.

Credo però che chiunque si sia cimentato con un minimo di attenzione con l’esperienza di Aung San Suu Kyi non possa non ritenere che il suo contributo ed il suo agire, all’interno della storia politica che si è determinata a cavallo del millennio e alla storia della nonviolenza più in generale, sia stato, e resti, uno dei più originali e significativi emersi in quegli ambiti.

Proprio per questo l’attacco concentrico, trasversale e diffuso alla Daw pone molte più domande di quante non appaiano a prima vista.

Ci sono gli agitatori violenti per vocazione, che attaccano Suu Kyi con l’unico strumento che sono in grado di manovrare: la gogna! E’ doveroso e necessario non solo guardarsi bene da costoro ma anche prendere nettamente le distanze da modi, linguaggio e, si fa per dire, opinioni di questa parte. Il nemico (violento) del mio nemico non potrà mai essere un mio amico.

I più pericolosi però sono i tanti commentatori mainstream, compresi alcuni pentiti dell’ultim’ora, che nei mesi scorsi con “viva e vibrante” indignazione hanno lanciato strali sul personaggio pubblicoLa gran parte dei quali, e delle testate per cui essi scrivono, prende parola alla voce “diritti umani” solo quando il titolo può fare notizia o quando quelle violazioni possono essere usate come clava strumentale e di parte.

A me sembra del tutto evidente che l’offensiva che arriva da questo lato sia un pesante attacco personale. Questo ampio filone di pensiero però ha un traguardo più sostanzioso, sottilmente nascosto. Assieme alle scelte odierne di Aung San Suu Kyi l’obbiettivo è azzoppare e ridimensionare anche tutto il percorso politico e di lotta che si è venuto a manifestare attorno alla leader birmana. Non casualmente costoro sono i beatificatori della prima ora, dei tempi della detenzione e dell’isolamento i quali, senza averne mai compreso nulla, senza avere probabilmente letto più di due pagine di un qualsiasi suo testo, ne fecero, in quegli anni, una santa e un’eroina d’altre epoche, raggiungendo la punta più farsesca di questa adorazione nel celeberrimo paragone con Giovanna D’Arco, messo in copertina da Vanity Fair nel 1995.

Questa costruzione però, culturalmente e politicamente, era già preordinata e finalizzata, più o meno consapevolmente, all’esito di oggi: se anche una santa ed un’eroina senza macchia, come la Signora, cade chi altri potrà mai riuscire a percorrere quelle strade? Il messaggio che si vuole veicolare è che la scelta nonviolenta e la difesa senza armi dei diritti di ogni uomo e ogni donna può avviare solo battaglie deboli – bisognose, giustappunto, di inesistenti santi – che possono portare facilmente alla sconfitta. Il tentativo è quello di mostrare il fallimento di quei percorsi e indirizzare l’opinione pubblica a pensare che solo attraverso altre strade, con altre le priorità, strumenti e scelte si può “fare” politica in maniera credibile ed efficace.

In realtà a questo filone di pensiero interessano i Rohingya tanto quanto i bambini yemeniti, le donne siriane, gli adolescenti palestinesi e i diseredati di tutto il mondo.

Un filone di pensiero distante anni luce da chi considera la lotta un agire collettivo, un sapere condiviso, un’assunzione di responsabilità ampia e diffusa. Da chi considera imprescindibili queste caratteristiche dalla scelta nonviolenta. Da chi crede che un leader possa essere tale solo se nella sua prassi giungano a più chiara sintesi questi elementi, rappresentandone simbolicamente forza e passione, e che il suo agire sia l’esatto opposto di quello del classico capo, specializzato nel comando e nell’imposizione di scelte e obbiettivi.

Aung San Suu Kyi è stata, per lunghi anni, quella sintesi nel suo paese. Le sue posizioni odierne sulla minoranza musulmana possono prestarsi a molte ipotesi e supposizioni. Nessuna potrà cancellare la gravità delle scelte prese fino ad ora dal governo di cui è esponente di rilievo ma unirsi, o anche solo blandire o rilanciare, opinioni e opinionisti del secondo coro è davvero inaccettabile e incomprensibile, visto il pensiero che lo ha originato.

Questo pensiero solo apparentemente sembra ragionevole e condivisibile, in realtà è intrinsecamente violento, autoritario e intollerante. Ha la medesima origine, sia pure trasfigurata, in questo caso, attraverso la metafora della caduta, che abbiamo visto più volte sventolare nell’ultimo quarto di secolo: la supponente e insopportabile idea che l’occidente abbia una sorta di diritto di prelazione calato dal cielo, e possa arrogarsi, di volta in volta, il potere di individuare il cattivo di turno (gli esempi più celebri e drammatici riguardano i vari Saddam e Gheddafi con le eccezioni “misteriose” degli Assad e degli Erdogan) trovandosi poi “costretto”, nelle situazioni più gravi, per salvare non un popolo ma l’umanità intera, alla scelta ovviamente obbligata, dell’annientamento del soggetto in questione. Questo pensiero, che chiaramente nasce sempre e solo per la tutela di interessi politici, geostrategici ed economici, spesso indicibili ed occultati, ha però bisogno di questa narrazione per acquisire il consenso necessarioLa via più semplice, più diretta, resta sempre quella dell’individuazione di un bersaglio in carne ed ossa, dell’antichissimo capro espiatorio.

Ora se ogni attacco personale, per qualsivoglia motivo, diretto verso chicchessia, fosse pure il satrapo più feroce e sanguinario, ha sempre e sistematicamente quelle orribili radici – radici che comprese, con largo anticipo, Jean Amery quando, in prefazione al suo imprescindibile “Intellettuale ad Auschwitz” scrisse, “Talvolta si ha l’impressione che Hitler abbia conseguito un trionfo postumo. (…) la distruzione dell’uomo nella sua essenza” – in questo caso è evidente che vuole solo e sistematicamente demolire una donna e la sua intera storia. Prova ne sia che quasi nessuno di questi accorati opinionisti nemmeno tenta di indicare, o solo suggerire, quali mosse dovrebbe fare la Lady per porre termine all’oppressione dei Rohingya, nessuno che si eserciti, come spesso accade in questi frangenti, a ipotizzare scenari possibili, soluzioni intermedie, soggetti da mettere in campo. Ma è ovvio che sia così, se vesti i panni, sia pure dissimulati, del tiratore scelto, se sei ottenebrato dal delirio di chi crede di possedere il giudizio divino. L’obbiettivo è uno solo: centrare il bersaglio, additarlo e marchiarlo definitivamente.

Una delle derivate più macroscopiche di questo pensiero riguarda l’incredibile consenso raccolto dalla proposta di revocare alla politica birmana il Nobel per la Pace. Aung San Suu Kyi iniziò la sua vita politica proprio nel periodo in cui si stava preparando l’8/8/88, il giorno in cui prese avvio una delle più importanti rivolte popolari e studentesche birmane contro la dittatura. Quel giorno e durante i mesi successivi, le vite di molti giovani furono annegate nel sangue, nel carcere più violento e degradante e nella tortura di migliaia di loro. Nel discorso di accettazione del Nobel, che potè ricevere solo ventun anni dopo il suo conferimento, anni passati in gran parte agli arresti e isolata dal mondo intero, Suu Kyi più volte ricorderà quegli uomini e quelle donne, le tante vite mute e spezzate senza le quali lei stessa e la lotta per la democrazia in Birmania non sarebbe mai potuta esistere. Più volte, durante i decenni del terrore e del dolore, sarà in nome di quegli studenti e assieme alle migliaia di oppositori dal coraggio smisurato che la sua leadership prenderà corpo e la resistenza potrà durare e vincere. Chi ha caldeggiato, organizzato e sottoscritto quella insulsa proposta forse non ha cognizione di queste vicende, forse non sa che quel Nobel “rappresenta” ed è indissolubilmente legato a quelle vite, a quelle esistenze, ma soprattutto, forse, non si rende conto di partecipare ad un rito oscuro e necrofilo di cancellazione di una vicenda importante non solo per la Birmania ma per tutta la storia della nonviolenza e della lotta per i diritti umani.

Infine, in controluce, questa vicenda mette in evidenza forse l’elemento più grave, che riguarda l’approccio alla dimensione della politica di un’ampia parte dei suoi rappresentanti, di coloro che vogliono raccontarla, e di una fetta dell’opinione pubblica: l’estrema difficoltà sia di vivere che di affrontare le contraddizioni che si aprono nello spazio pubblico, con l’insofferenza, per non dire l’avversione, nel tollerare chi vi si mette in gioco lo stesso senza soluzioni pronte e definitive; sia di immaginare possibili gestioni del conflitto che non siano indirizzate esclusivamente verso esiti distruttivi.

L’assegnazione del Nobel avviene, come per qualsiasi altro riconoscimento, alla luce della considerazione di una vicenda, o di alcuni accadimenti, così come essi si sono determinati fino a quel momento. Certo, l’auspicio che tutto quanto di significativo e di importante, previsto nel nucleo del riconoscimento assegnato, possa perpetuarsi sine die, è legittimo, ma nessuna ragionevole previsione potrebbe darlo per scontato, come un fatto definitivamente acquisito. Per qualsiasi altro riconoscimento, qualsiasi altra categoria di Nobel, la penseremmo in questo modo.

In questo caso invece – e non credo sia secondario che stiamo parlando di una donna – Aung San Suu Kyi deve dimostrare di essere una sorta di angelo, ovvero, in caso contrario, precipitare direttamente all’inferno, esattamente come la vicenda luciferina racconta. La richiesta di cancellazione e di revoca del Nobel è palesemente motivata dalla valutazione di questa sorta di inaccettabile “tradimento”, mettendo in luce un legame culturale trasversale attorno a un pensiero la cui natura intollerante e integralistica è esplicita: la difficoltà, che si avvicina all’impossibilità, di accettare un errore, anche grave, soprattutto da parte di chi hai ritenuto a lungo un tuo compagno di strada, chiudendo ogni porta, elevando subito muri che magari, altrove, si chiede incessantemente di abbattere.

Accade così quando prevalgono – ed anche questo è un tratto diffuso e trasversale – prese di posizioni istintuali attizzate principalmente dalla visceralità, laddove la politica si eclissa, in luogo delle scelte meditate e razionali alimentate dalla forzadurevole e inesauribile della passione.

Credo che pochissimi abbiano davvero letto il suo discorso del 19 settembre 2017, le parole di Suu Kyi sulla difesa assoluta dei diritti umani, nessuno escluso, non possono lasciare spazio a dubbi, come pure è evidente la sua richiesta di tempo e di aiuto, interno ed esterno, il suo palesare le evidenti difficoltà e i ristretti margini di manovra nel suo governo. Naturalmente si possono valutare in maniera più o meno condivisibile, o accettabile, queste prese di posizione ma anche il giudizio più severo – a meno di non pensare che la Lady sia proprio un’artefice e una mandante del massacro dei Rohingya, parte attiva e propulsiva delle azioni intraprese dal Tatmadaw e stia, quindi, spudoratamente e vergognosamente mentendo – non potrebbe giustificare alcuno degli apprezzamenti, dei verdetti e dei punti vista di cui sopra.

Che fare allora? Aung San Suu Kyi e il governo civile birmano sembra stiano iniziando a dare qualche seguito alle conclusioni del rapporto di Kofi Annan in relazione alla “Rakhine State Advisory Commission”. Sono iniziati i primi colloqui col Bangladesh e si è avviata la discussione sul possibile rientro in Birmania dei rifugiati Rohingya ma le difficoltà e gli ostacoli sono numerosissimi. Le ombre lunghe e minacciose, i tempi assolutamente incerti. E’ evidente che l’azione internazionale di pressione e di denuncia, in primis gli appelli e le iniziative di organizzazioni come Amnesty International e Human Rights Watch, sono fondamentali e non possono assolutamente fermarsi. Ma le pressioni vanno fatte anche sui nostri governi, presso le istituzioni internazionali.

Il consiglio europeo ha adottato una presa di posizione di condanna nella quale si dispone un embargo di forniture militari e sulle attrezzature che potrebbero essere utilizzate per la repressione interna ma ha lasciato una porta aperta al dialogo in vista della prossima riunione dell’ASEM che si terrà nella nuova capitale birmana il 20 e 21 novembre prossimi. L’Europa non ha certo il peso di India e Cina – che hanno i maggiori interessi su quell’area e hanno scelto non casualmente la strada del silenzio o di qualche blanda dichiarazione asettica e formale – o degli Stati Uniti che, nella traccia della nuova presidenza, hanno ripreso modalità aggressive anche in Asia, ma potrebbe introdurre qualche elemento di novità e di rottura di schemi triti e senza futuro iniziando ad abbandonare la strada che mette gli interessi geopolitici rigorosamente nel solco di uno spietato neoliberismo che si nutre di una globalizzazione predona di uomini e terre.

Se l’Europa iniziasse a porre con forza il tema che i diritti umani e la dignità per ogni uomo e per ogni donna del pianeta sono la pietra angolare con cui guardare e valutare ogni scelta di natura, sociale, politica ed economica potrebbe segnare un’autentica e storica differenza. Sarebbe un segno forte di speranza non solo per il popolo Rohingya ma per una parte grande del pianeta. Su questo terreno Papa Francesco, che visterà Myanmar tra meno di due settimane, potrebbe anch’egli giocare un ruolo importante. Vedremo, nelle prossime settimane, cosa accadrà.

Come sempre, ogni cambiamento politico dipende solo da noi, da come e quanto siamo disposti a metterci in gioco. Senza dimenticare di tenere vivo il pensiero critico, principalmente rispetto ai percorsi che si intraprendono, alle nostre scelte. Prendendosi il tempo che occorre per riflettere, soprattutto in quest’epoca, nella quale le tecnologie, e in particolare chi pensa di trarne sostanzioso profitto politico ed economico, spingono a magnificare il “tempo reale”, a pensare che le cose accadono per noi, e solo per noi, in quel preciso momento oppure le abbiamo perse per sempre. Consapevoli dei nostri limiti che, a pensarci bene, forse non sono così diversi da quelli di chiunque altro.

PS: Le parti linkabili portano a notizie o documenti attinenti i diversi passaggi del testo. Debbo ringraziare in maniera particolare Emanuele Giordana e Alessandra Chiricosta per il loro notevole contributo di analisi e di riflessione.

fonte:https://comune-info.net/2017/11/aung-san-suu-kyi-nelle-viscere-della-santita/

The EU Spends Millions to Lobby Itself

The European Union spends over €1 billion a year to fund NGOs who, in turn, lobby the government.

In order to balance the democratic deficit that the European Union has been accused of having, the EU’s Commission has been extensively engaged in the subsidization of civil society. The result: NGOs are non-pluralistic, politically biased in favor of the EU, all while funding remains nontransparent.

A Controversial Report

In March of this year, the European Parliament’s budgetary control committee, under the responsibility of the German center-right rapporteur Markus Pieper, investigated the whole scale of EU-funded lobbyism and the immense grants associated with it. In the year 2015 alone, the EU spent a total €1.2 billion in grants in order to support European NGOs which lobby the EU institutions.

More interesting than the total expenditure is the unequal distribution of these grants. For instance, in the 2015 budget, almost 60 percent of the funding available under the EU’s environmental, social, health, and human rights programs was allocated to just 20 NGOs.

A 2013 Institute for Economic Affairs report came to the conclusion that these grants are often of an existential nature for these organizations. The report’s author, Christopher Snowdon, discovered multiple NGOs that were almost entirely reliant on the EU and justifiably labeled them as “puppets”:

For example, Women in Europe for a Common Future received an EC grant of €1,219,213 in 2011, with a further €135,247 coming from national governments. This statutory funding made up 93 per cent of its total income while private donations contributed €2,441 (0.2 per cent) and member contributions just €825 (0.06 per cent).

NGO-funding also suffers from a systematic ideological bias. The organization NGO Monitor has denounced some EU-funding going to groups engaging in “political warfare” against Israel and called the focus of the funding “disproportionate.” The Pieper report therefore called for the rejection of funding for NGOs who “demonstrably disseminate untruths and/or whose objectives are contrary to the fundamental values of the European Union, democracy, human rights and/or strategic commercial and security policy objectives of the European Union institutions.”

Understandably, the Pieper report was heavily criticised by NGO representatives who are fearing for their government funding.

Nina Katzemich from the German NGO Lobbycontrol slammed the Markus Pieper report as “anti-pluralistic” and added: “To give money to [NGOs] to balance this imbalance … represents a partial approach for the solution of this European democratic deficit.”

Given the unfair distribution and the clearly outlined political bias of these organizations, it can hardly be pluralistic to invest hundreds of millions of euros into this system. The EU’s funding is merely there to foster the political integration of union itself, not to strengthen civil society.

Advocates and Lobbyists

The strange dynamic of politics in the European Union is the double standard of what constitutes lobbyism. While NGO work is considered “advocacy” and largely funded by the European Union, corporate lobbying is demonized all across the board. If you were to protect the interests of the alcohol industry, you’d be labeled as a dangerous lobbyist, but a public health “advocate” could freely speak in favor of reimbursements for certain medication or the banning of different industrial activities. While corporate lobbying is subjected to existing and increasing legislation, NGO funding is largely nontransparent while being similarly subjected to corporatism.

There shouldn’t be double standards when it comes to public policy: either all lobbyists are advocates or all advocates are lobbyists.

 

Take the example of anti-tobacco policy advocates.

Anti-tobacco lobbyists recognize that it is highly profitable for companies to retail products designed to help people get off smoking. In May 2016, for example, the German newspaper Süddeutsche Zeitung reported in its printed version that the Swiss pharmaceutical company Novartis had close ties to the German Cancer Research Centre and the anti-tobacco activist group Wissenschaftlichen Aktionskreis Tabakentwöhnung (WAT), which in English means the “Scientific Activist Circle for Giving Up Smoking.” Interest groups such as WAT have called for products and therapies used through Novartis to be reimbursed by the public healthcare system. They have also rejected all scientific research proving that the use of e-cigarettes is an alternative for quitting smoking, even advocating their ban through the federal government. Novartis has also been accused of bribing doctors and pharmacies in South Korea in an effort to convince them to promote the company’s drugs.

There shouldn’t be double standards when it comes to public policy: either all lobbyists are advocates or all advocates are lobbyists. Either way, it stands to reason that it shouldn’t be the role of an immense political entity to fund the activities of one group in favor of another one. Government funding of NGOs is neither pluralistic nor does it actually foster the engagement of civil society.

 


Bill Wirtz

Bill Wirtz is a Young Voices Advocate. His work has been featured in several outlets, including Newsweek, Rare, RealClear, CityAM, Le Monde and Le Figaro. He also works as a Policy Analyst for the Consumer Choice Center.

This article was originally published on FEE.org. Read the original article.

Italiani brava gente. 

 

Nel 1965 uscì un film, per alcuni aspetti, un po’ strano. Soprattutto nel titolo “Italiani brava gente”, sembrava quasi voler raccogliere l’idea che molti nel dopoguerra avevano coltivato che la guerra degli italiani in Russia e nei Balcani fosse stata fatta senza odio; che fosse stata diversa da quella dei tedeschi. In realtà il regista de Santis non aveva particolari tesi da sostenere. Gli interessava far vedere la guerra vista da soldati scaraventati a 5000 km da casa in un conflitto dove non capivano niente. Il film fu importante per le generazioni che la guerra non l’avevano fatta. Per la prima volta vedevano e capivano quello che i padri avevano sofferto e che, con un pudore collettivo, si rifiutavano di raccontare anche in famiglia. La scena dell’internazionale è una di quelle emotivamente più cariche. I soldati italiani in marcia verso un fronte ignoto incrociano dei tedeschi che hanno dei civili prigionieri. La scena è potente non solo per la rappresentazione dell’orgoglio nazionale russo e dell’idea del comunismo, ma per lo sconvolgente sbalordimento dei militari di leva italiana dell’internazionale dal film “Italiani brava gente”

 

The State of Rojava: A month-long reporting series from Syria Direct

AMMAN: Seven years into the Syrian civil war, the country’s Kurdish-majority regions enjoy a level of autonomy unthinkable before 2011. Kurdish culture and language, suppressed by Syrian state authorities for decades, are in a renaissance as Syria’s Kurds govern themselves along the country’s northern border with Turkey.

Kurdish fighters are on the frontlines with the United States-backed forces fighting the Islamic State, capturing wide swathes of Syrian territory from the militant organization in recent years. Today, primarily Kurdish forces control an expanse of territory that includes almost the entirety of the country’s northern border with Turkey, major oil fields in the Arab-majority eastern desert and villages 20km from the Syrian-Iraqi border in the country’s southeast.

THE FASCIST ORIGIN AND ESSENCE OF PRIVATIZATION

Preface by Washington’s Blog: We documented in 2009 that fascism and our current crony capitalist economy are indistinguishable.

We noted in 2011 that America’s public resources are being raped and pillaged … just like those of small debt-saddled countries like Greece.

The following short – but important – piece by Eric Zuesse shows that looting and privatization of public resources was a hallmark of fascist Germany and Italy … and America today.

Washington’s Blog is non-partisan.  We believe that the war between liberals and conservatives is a false divide-and-conquer dog-and-pony show created by the powers that be to keep the American people divided and distracted. See thisthisthisthisthisthisthisthisthis and this.

We can argue it either way, because we are ideologically neutral: allowing the private sector to own and manage resources is good … or allowing the public sector to do so is healthy.

Here’s the key:  If these resources had always been in the private sector, that would be fine … that would be free market capitalism.

But if they were purchased on the people’s dime with our blood, tears, sweat and taxpayer funds – and then sold to the big boys for pennies on the dollar – that’s not capitalism … that’s looting.  Unfortunately, that’s exactly what the Nazis, Italian fascists, and modern American “leaders” are doing.

-By Eric Zuesse

Conservatives support privatizing schools, prisons, hospitals, and other social services. The privatization-mania is also increasingly occurring in higher education, as conservatives in Congress push measures to raise the percentage of colleges that are owned by for-profit corporations, and to decrease the percentage that are either public or nonprofit.

The argument given for such privatization is that corporations are more efficient because they are “the free market” way of serving people’s needs. However, progressives argue to the contrary, that in these parts of the economy, where “profits” for the public are hard if not impossible to measure, government does a better and less-inefficient job than corporations do. And, now, even a conservative state’s governor seems to have switched to the latter conclusion.

On 3 January 2014, the AP reported an instance in which the Republican Governor of one of the three most-Republican states in the U.S., Idaho, is doing a 180-degree turn, and he announced that “the corrections department will take over operation of the largest privately-run prison in the state,” from Corrections Corporation of America. The AP’s Rebecca Boone, in Boise, reported, that, whereas “In 2008, he floated legislation to change state laws to allow private companies to build and operate prisons in Idaho,” he now is taking over operation of this CCA prison, because of “mismanagement and other problems at the facility.” Only a few months before, on September 16th, that same reporter had headlined “CCA in contempt for prison understaffing,” and she quoted the federal judge’s order, which said that, “For CCA staff to lie on so basic a point — whether an officer is actually at a post — leaves the Court with serious concerns about compliance in other respects, such as whether every violent incident is reported.” The judge found that CCA was lying because they wanted more of their income from the state to go toward boosting their bottom line for stockholders, and less of it to go toward feeding the prisoners and protecting them from each other. The judge’s order said, “If a prospective fine leads to $2.4 million in penalties, CCA has no one to blame but itself.” CCA had been caught by the judge in persistently lying to the state while shortchanging prisoners on the prison’s obligation to provide basic services to inmates. The tension between private profits versus public services was clear in this case. CCA had incentive to cheat inmates in order to raise profits, and now a federal judge was fining CCA for doing precisely that.

Similarly, countries such as France, Sweden, UK, and the OECD generally, where health care is entirely or largely provided by the government, have better health-care outcomes and far lower healthcare costs, on a per-person basis, than does the U.S., where the profit motive in medical care is far more encouraged.

However, many Americans prefer the privatization of government services, because they believe that such a movement toward “shrinking big government” is in the direction of greater freedom, and is the only ethical direction, a direction in favor of greater democracy, in accord with the U.S. Constitution. Though the U.S. Constitution is by no means a free-market document, and concerns political issues instead of economic ones, there is a strong belief, especially among conservatives, that it is primarily about economics. There is consequently a myth about privatization.

The Myth About Privatization: Privatization was introduced by two democracies, the USA and UK, in the 1980s, not by prior fascist regimes.

The Truth About Privatization: Privatization was, in fact, a big aim of the elite fascists, right from the very start of fascism.

Explanation of the Reality: Aristocrats control the private wealth. Privatization means that they get to control also what was previously public. Privatization moreover provides corrupt politicians (their politicians) an opportunity to pay off their contributors (themselves) by offering them an inside track on public-asset sales. So, it’s not surprising that privatization is the way of fascist countries.

Documentation of the Reality: In September 2009, the European University Institute issued their RSCAS_2009_46.pdf, titled “From Public to Private: Privatization in 1920’s Fascist Italy,” (subsequently retitled “The First Privatization: Selling SOEs” in the 2011 Cambridge Journal of Economics) by Germa Bel, who said in her summary: “Privatization was an important policy in Italy in 1922-1925. The Fascist government was alone in transferring State ownership and services to private firms in the 1920s; no other country in the world would engage in such a policy until Nazi Germany did so between 1934 and 1937.” Then, in the February 2010 Economic History Review, she headlined a study specifically about the German case, “Against the Mainstream: Nazi Privatization in 1930s Germany.” Here, she reported that, though “privatizations in [fascist] Chile [under Pinochet] and the UK, which began to be implemented in the 1970s and 1980s, are usually considered the first privatization policies in modern history, … none of the contemporary economic analyses of privatization takes into account an important, earlier case: the privatization policy implemented by the National Socialist (Nazi) Party in Germany. … Although modern economic literature usually fails to notice it, the Nazi government in 1930s Germany implemented a large-scale privatization policy.” Furthermore, “Germany was alone in developing a policy of privatization in the mid-1930s,” since Italy had finished its privatizations by then.

The purposes of these privatizations, in both cases, were chiefly “receipts from selling” the assets to finance rearmament, and also “the desire to increase support from” the major aristocrats (such as, in Germany, the armaments-making firms of the Thyssens, the Krupps, and the Flicks), who received sweet deals on these assets.

Much later, of course, Russia under Boris Yeltsin also privatized, while that nation switched from being communist, to becoming fascist. (Yeltsin was no fascist himself; he wasn’t intelligent enough to be anything, ideologically. He was just confused, mistaken.) China later did the same thing, when it, too, switched from being communist to being fascist.

Connection to Privatization in the U.S: To continue with prisons as the case: Huffington Post, on 22 October 2013, headlined a major investigative news report “Private Prison Empire Rises Despite Startling Record of Juvenile Abuse,” and reporter Chris Kirkham found rampant political paybacks in the privatizations of juvenile prisons. As a typical example of the consequences: Florida’s “sweeping privatization of its juvenile incarceration system has produced some of the worst re-offending rates in the nation. More than 40 percent of youth offenders sent to one of Florida’s juvenile prisons wind up arrested and convicted of another crime within a year of their release, according to state data. In New York state, where historically no youth offenders have been held in private institutions, 25 percent are convicted again within that timeframe.” Those children in Florida are experiencing the brunt of fascism. But so are taxpayers.

———-

Investigative historian Eric Zuesse is the author, most recently, of They’re Not Even Close: The Democratic vs. Republican Economic Records, 1910-2010and of  CHRIST’S VENTRILOQUISTS: The Event that Created Christianity.

fonte:The Fascist Origin and Essence of Privatization was originally published on Washington’s Blog

#WeNeedToTalk, l’hashtag si ribella al Cairo: «Parliamo della repressione»

Lo slogan era stato pensato per celebrare i successi del governo egiziano, ma sono bastate poche ore perché venisse trasformato in una critica aspra e di massa al regime del…

Sorgente: #WeNeedToTalk, l’hashtag si ribella al Cairo: «Parliamo della repressione»

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: