Siria: dopo la guerra la miseria. La distruzione del Libano e i soldi spariti nelle banche.

Brescia Anticapitalista

di Henry Mamarbachi

La popolazione siriana, che riusciva a malapena a sopravvivere alle macerie di una lunga guerra, oggi sta sprofondando nella povertà, nella crisi sanitaria e nelle difficoltà dell’inverno. In questo momento, la paura è legata all’aumento vertiginoso dei prezzi e dalle lunghe code, diventate un destino comune, per acquistare il pane.

È un inverno rigido per il popolo siriano.«Prima c’è stata la pioggia di bombe, adesso manca il pane, e per noi non s’intravede alcuna prospettiva per il futuro»,si lamenta Abou Saïd, un commerciante di Damasco che osserva l’inesorabile degrado di tutto ciò che lo circonda.«L’iperinflazione, la paralisi economica, la povertà galoppante, le assurde sanzioni occidentali che toccano soprattutto la gente comune, a tutto ciò si aggiunge da mesi la pandemia da Covid 19 che sta colpendo duramente… cos’altro ci aspetta?»,aggiunge in tono fatalista.

Un triste epilogo : le persone vicine al regime la…

View original post 1.937 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...