TUAREG, I CURDI DELL’AFRICA?

Brescia Anticapitalista

di Gianni Sartori

Se non proprio malevola, almeno superficiale.
Così almeno mi era apparsa la semplificazione mediatica con cui si proiettava lo spettro jihadista sull’ultima – per ora -ribellione tuareg. Arrivando a sostenere che certe etnie del Mali non potevano essere altro che“ vittime o complici dell’islamismo più feroce”.
Tertium non datur.
In realtà – credo – la questione è più complessa. Si doveva – almeno precisare quale fosse – e quale sostanzialmente sia – la condizione in cui versano i Tuareg. Quella di una “Nazione senza Stato” che vive, si sposta e – se del caso – combatte ben oltre i ristretti confini del Mali. Per inciso. Appare evidente l’analogia con la Nazione curda, ugualmente frantumata da vari confini statali, più o meno artificiosi, a seguito dei ben noti processi di
“decolonizzazione controllata” del secolo scorso.
Invece si è cercato di interpretare la diffusione, il dilagare dell’islamismo radicale come…

View original post 2.049 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...