RDC-LUCHA à nouveau ciblée par la répression – Amnesty International Belgique Francophone

Parce qu’ils s’opposent au maintien au pouvoir du Président Kabila, les militants pro-démocratie se heurtent à une violente répression, voyant leur liberté d’expression gravement bafouée. Signez !

Sorgente: RDC-LUCHA à nouveau ciblée par la répression – Amnesty International Belgique Francophone

Chi ha reso il mondo migliore nel 2016? — The Bottom Up

Nice Nailantei Leng’ete che si oppone alle mutilazioni genitali femminili in Kenya, le volontarie di Velacruz a sostengo dei migranti in Messico, le squadre di soccorso del Mediterraeo, le associazioni irlandesi che aiutano le donne ad abortire, tutte le donne del mondo unite nel grido “Ni una menos!”: le persone e le storie che ci mostrano che il 2016 non è stato poi così male.

via Chi ha reso il mondo migliore nel 2016? — The Bottom Up

The Italian Bank Run: Monte Paschi Capital Shortfall Surges 75% To €8.8Bn Due To “Rapid Liquidity Deterioration” | Zero Hedge

The ECB told Italy’s failed Monte dei Paschi it needs to plug a capital shortfall of €8.8 billion, 76% greater than the previously estimated €5 billion gap. The ECB said the lender was solvent but signaled the bank’s liquidity position had rapidly deteriorated between the end of November and December 21.

Sorgente: The Italian Bank Run: Monte Paschi Capital Shortfall Surges 75% To €8.8Bn Due To “Rapid Liquidity Deterioration” | Zero Hedge

LA SVOLTA ORWELLIANA NELL’ECONOMIA CONTEMPORANEA — Sa Defenza

SHARMINI PERIES FONTE: REALNEWS.COM L’economista Michael Hudson incontra Sharmini Peries e parla delle ultime elezioni americane elezioni e del suo nuovo libro “’J is for Junk Economics” (ndt: “E” come Economia-spazzatura). SHARMINI PERIES: Da Baltimore vi parla Sharmini Peries – di Real News Network. Il 20 gennaio prossimo Donald Trump assumerà i poteri presidenziali […]

via LA SVOLTA ORWELLIANA NELL’ECONOMIA CONTEMPORANEA — Sa Defenza

CALL FOR THE RELEASE OF STUDENTS ARBITRARILY DETAINED IN TURKEY — Peace in Kurdistan

TO THE GOVERNMENT, JUDICIAL AUTHORITIES, UNIVERSITIES, DEANS & LECTURERS IN TURKEY We are deeply concerned that approximately 400 students are being held in arbitrary detention in Turkey. Pre- trial detention should only be used as a matter of last resort, as an exceptional practice, however, now in Turkey it is now used as a […]

via CALL FOR THE RELEASE OF STUDENTS ARBITRARILY DETAINED IN TURKEY — Peace in Kurdistan

Babbo Natale, i bambini e un mondo migliore – Comune-info

portrait-317041_640

Fonte: pixabay.com

di Alessio Di Florio*

La rivista Lancet psychiatry ha pubblicato un articolo secondo cui lasciar credere ai bambini che esista Babbo Natale provoca un danno, secondo i ricercatori, anche perché intacca la fiducia incondizionata che i figli ripongono nei propri genitori.

Le conclusioni della benemerita rivista non suscitano sorpresa ma intristiscono profondamente. Al di là di ogni possibilità valutazione psicologica scientifica, sarebbe fin troppo facile fermarsi a ricordare una banalissima realtà della vita quotidiana: milioni di bambini crescono serenamente e in armonia con i genitori nonostante gli venga raccontato (e fatto credere a) Babbo Natale.

Vale la pena andare oltre e citare uno degli editoriali più coraggiosi e straordinari del giornalismo mondiale di tutti i tempi. Francis Pharcellus Church il 21 settembre 1897, rispondendo in un editoriale del New York Sun alla lettera di Virginia (giovanissima figlia di un lettore abituale del giornale), scrisse che “Babbo Natale esiste”, esattamente come “l’amore, la generosità e la devozione” che esistono per donare alla vita “bellezza e gioia”. E se così non fosse, “come sarebbe triste il mondo” perché “non ci sarebbe nessuna fede infantile, né poesia, né romanticismo a rendere sopportabile la nostra esistenza. Non avremmo altra gioia se non quella dei sensi e dalla vista. La luce eterna con cui l’infanzia riempie il mondo si spegnerebbe”. Nessuno lo ha mai visto, nessuno lo ha mai toccato, nessuno ci ha mai parlato, ma questo non cambia nulla. “Nessuno può concepire o immaginare tutte le meraviglie del mondo che non si possono vedere. Puoi rompere a metà il sonaglio dei bebé e vedere da dove viene il suo rumore, ma esiste un velo che ricopre il mondo invisibile che nemmeno l’uomo più forte, nemmeno la forza di tutti gli uomini più forti del mondo, potrebbe strappare. Solo la fede, la poesia, l’amore possono spostare quella tenda e mostrare la bellezza e la meraviglia che nasconde”.

Secondo Church i compagni di Virginia non credevano in Babbo Natale perché vittime dello “scetticismo tipico di questa era piena di scettici”. Come non pensare alla nostra attuale epoca storica, come non pensare ai nostri tempi odierni? Viviamo anni nei quali continuamente vien ripetuto che non si crede più in nulla, che è inutile avere ideali e utopie. Eppure milioni di persone, ad ogni latitudine e longitudine del Pianeta ogni giorno si lasciano guidare dalla solidarietà, dall’amore, dalla ostinata ricerca di giustizia e pace per questo nostro mondo. Senza mai arrendersi. Sono la dimostrazione che c’è qualcosa che va oltre le umane convinzioni, i quotidiani scetticismi, gli aridi materialisti di chi non vuol volare in alto. Sono coloro che dimostrano che oltre la tenda la fede, la poesia, l’amore, la bellezza, esistono e ci accompagnano.

320px-yesvirginiathereisasantaclausclipping-copy-600x637

Cos’altro può guidare, ad esempio, i comitati della “Terra dei Fuochi”, don Maurizio Patriciello e le migliaia di famiglie che hanno visto morire di tumore anche bambini di pochi mesi, se non qualcosa di più grande e forte di ogni concretezza umana? Cosa può aver spinto, Mario Ciancarella e l’Associazione Antimafie Rita Atria nella ricerca di verità e giustizia per Ustica e tutte le sue vittime se non fortissimi ideali e l’incrollabile convinzione che sia sempre possibile lottare per migliorare questo nostro mondo?

Mario Ciancarella era capitano pilota dell’A.M. al momento della strage di Ustica. Negli anni era diventato punto di riferimento del Movimento Democratico dei Militari. Ricevuto dal presidente della Repubblica Pertini nel 1979 “insieme a Sandro Marcucci e Lino Totaro, Mario Ciancarella era divenuto referente delle rivelazioni da tutta Italia delle vere o false ignobiltà che si compivano nel mondo militare”. A lui si rivolse, dopo la strage di Ustica, il maresciallo Mario Alberto Dettori che gli confidò “Capitano siamo stati noi … ”. “Per questo suo ruolo di esponente di punta il Capitano Ciancarella divenne talmente scomodo da indurre “qualcuno molto in alto” a falsificare, nell’ottobre 1983, la firma del Presidente Pertini nel Decreto Presidenziale di radiazione. Un vero e proprio colpo di Stato. La copia del decreto di radiazione gli verrà consegnata, su sua richiesta, solo nove anni più tardi e dopo la morte di Pertini. LAssociazione Antimafie Rita Atria, con orgoglio, da ventidue anni (da quando è stata fondata), lotta accanto a Mario Ciancarella senza mai retrocedere di un solo passo. Nonostante tutto e tanti, troppi consigli”. “Il Tribunale Civile di Firenze ha confermato i dubbi del Capitano Ciancarella (e anche i nostri): la firma del presidente Pertini che compare sul quel decreto è un volgare falso. Tanto è stato accertato sulla base di due perizie – una di parte e una disposta dal Magistrato – che hanno potuto rilevare come il falso sia tanto evidente quanto eseguito con assoluta approssimazione”. Nonostante l’ingiustizia subita, nonostante abbia visto morire Dettori e altri testimoni, Mario non si è mai arreso. Mostrando una forza d’animo titanica, che non può venirgli da “quel che vediamo”, dalle concretezze della vista e dell’udito.

Il Piccolo Principe (sarà un caso che è uno dei libri più diffusi e letti al mondo?) disse che tutti gli adulti “sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano”. Dimenticandoci di essere stati bambini dimentichiamo la bellezza dei sogni, la visione che va oltre i cinque sensi e rendono migliore, poetica, degna di essere vissuta la quotidianità. Dimenticando tutto questo diventiamo gli adulti che hanno costruito questo nostro triste, luttuoso, freddo, sempre più disumano mondo fatto di guerre, intolleranze, odio, corruzione, malignità, inganni e tanto altro inquinamento dei cuori e delle anime. Al di là delle nostre scienze, dei nostri “concretissimi” pensieri, delle nostre “adulte filosofie” lasciamo ai bambini (e magari impariamo a tornare a riconquistarla) la bellezza della fanciullezza, dei sogni, delle fiabe i cui personaggi non esisteranno nelle nostre strade, non potremo toccarli, vederli o parlarci ma sono più veri e autentici del 99 per cento delle nostre “adulte esistenze”. E torniamo a imparare da loro l’arte della convivenza, del cuore grande che tutto accoglie.

Perché basterebbe vedere un qualsiasi bambino a cui è permesso essere bambino per scoprire che non c’è diritto che minacci altri diritti, che non c’è amore senza altro amore, che nessuna persona minaccia l’altra perché vuole vivere. E che non è Babbo Natale la “minaccia”, ma la nostra adulta ipocrisia, i nostri compromessi al ribasso, le nostre disumane ingiustizie.

Sorgente: Babbo Natale, i bambini e un mondo migliore – Comune-info

Iraq: Children caught in the crossfire of the battle for Mosul suffer horrific injuries and trauma | Amnesty International

The desperate plight of a generation of children is in the balance as the bloody battle for the city of Mosul threatens to become a humanitarian catastrophe, Amnesty International said today following a field investigation.

On a visit to the region this month, the organization met children of all ages who had suffered terrible injuries after being caught in the line of fire between the armed group calling itself Islamic State (IS) and government forces, who are backed by a US-led coalition.

Sorgente: Iraq: Children caught in the crossfire of the battle for Mosul suffer horrific injuries and trauma | Amnesty International

Older Americans Pushed Into Poverty as Feds Garnish Social Security for Student Debt 

The federal government is garnishing Social Security checks to recoup unpaid student debt, leaving thousands of retired or disabled Americans below the poverty line and setting the stage for an even bigger problem, according to a new report.

Sorgente: Older Americans Pushed Into Poverty as Feds Garnish Social Security for Student Debt | Common Dreams | Breaking News & Views for the Progressive Community

Pipeline resisters call for bank divestment campaign | www.nativesunnews.today | Native Sun News

FT. YATES, N.D. –– As thousands of Dakota AccessPipeline opponents in resistance camps responded to theStanding Rock Sioux Tribe’s appeal to fold up their tents for the winter, organizers turned attention toward a boycott of investment banks and other campaigns to prevent revival of the project.

Sorgente: Pipeline resisters call for bank divestment campaign | www.nativesunnews.today | Native Sun News

Ping pong trauma: un viaggio Rohingya

VITADIFRONTIERA

Il viaggio della speranza. La crisi migratoria non colpisce solo il Mediterraneo ma interessa anche la penisola indocinese. Myanmar, Bangladesh, Thailandia, Vietnam, Malesia e Indonesia. Tutti Paesi coinvolti da una fortissima ondata migratoria che ha visto nel 2015 il suo culmine. Uiguri e Rohingya sono i popoli che più di altri cercano asilo al di là dei propri confini nazionali, rispettivamente Cina e Myanmar. Qui vorrei affrontare proprio questo tema con un lavoro multimediale. Descrivere il viaggio dei Rohingya (che sono la maggior parte) verso il sud dell’Oceano indiano per sfuggire a povertà e persecuzione. Ne avevo già parlato qui ma adesso propongo un lavoro più completo e maggiormente interattivo.

(Cliccare sull’immagine per iniziare l’esplorazione)immagine

Uno dei problemi maggiori è che queste persone sono abbandonate al loro destino, perché i vari governi regionali non sanno come gestire le ondate migratorie.

seasiaboatrescuesmap

Per molti l’obiettivo finale è l’Australia, considerata la terra delle grandi…

View original post 53 altre parole