Amnesty: in Darfur usate armi chimiche

dirittiumani

darfur

“Stupri e uccisioni di massa commessi dai militari di  Khartoum” 

Più di 200 persone, tra le quali decine di bambini, sono state uccise in Darfur da armi chimiche utilizzate dal governo sudanese per stroncare la rivolta dei ribelli e venire a capo, a suo modo, di quella guerra dimenticata che dal 2003 ha provocato almeno 400.000 morti e due milioni di sfollati (secondo i dati forniti dalla Coalition for International Justice, ritenuti attendibili dalle Nazioni Unite e da molte ONG internazionali). Lo rivela Amnesty International, denunciando “stupri e uccisioni di massa” e l’uso di armi chimiche “almeno trenta volte” nel corso dell’offensiva lanciata da Khartoum in gennaio nella zona di Jebel Marra.

Il governo di Omar al Bashir nega e, attraverso l’ambasciatore all’Onu Omer Dahab Fadl Mohamed, fa sapere che “le accuse di uso di armi chimiche da parte delle forze armate sudanesi sono prive di senso e inventate”. Ma…

View original post 159 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...