Una voce che giunge da Aleppo

VITADIFRONTIERA

Aleppo. Siria. Una città antica che nel corso dei secoli ha saputo attirare migliaia di persone di etnie diverse. Oggi è uno dei simboli della guerra siriana, una delle città più martoriate dal conflitto iniziato 5 anni fa. Il 26 aprile di quest’anno è stato organizzato l’incontro Siria, la terra contesa. La speranza che vive ad Aleppo con il vicario apostolico dei Latini di Aleppo, mons. Georges Abou Khazen all’auditorium Giorgio Gaber a Milano a cui hanno partecipato anche le autorità del consiglio della regione Lombardia. Una voce diretta la sua, che ha chiarito tante dinamiche che spesso si rischia di dare per scontate.

Sembra l’apocalisse. La metà della popolazione è profuga. Le minoranze cristiana, yazida, assira, caldea, alawita, sciita e musulmana moderata stanno soffrendo. Dove è arrivato l’Isis sono scomparse le minoranze

Dice il prelato durante il suo intervento sia in pubblico, che nel pomeriggio, in un incontro informale…

View original post 590 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...