Diplomazia a 90 gradi (Marco Travaglio)

Triskel182

libia-renzi-al-sisi

C’è voluto l’assassinio di Giulio Regeni per far scoprire ai media italiani, quindi ai politici italiani, chi è il nostro prezioso alleato Abd al-Fattah al-Sisi, il generale golpista egiziano salito al potere il 3 luglio 2013 dopo avere rovesciato il presidente regolarmente eletto Mohamed Morsi che non piaceva all’Occidente e alla casta militare perché espressione dei Fratelli Musulmani. Da allora, come abbiamo raccontato con Stefano Citati e Guido Rampoldi, il Pinochet d’Egitto ha avviato uno sterminio di massa di oppositori, culminato nella mattanza in piazza Rabi’a del 14 agosto 2013 (chi dice 638 morti, chi addirittura 1.150) e accompagnato dalla messa al bando dei Fratelli Musulmani, dalla condanna a morte di 1200 loro dirigenti, dall’arresto di almeno 16mila (altri parlano di 40mila) oppositori islamisti, laici e socialisti.

View original post 641 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...