ACQUA A RISCHIO IN ITALIA. STATO E REGIONI INADEMPIENTI, LA VERA GRANDE OPERA È IL RISANAMENTO!

PER I DIRITTI SOCIALI E AMBIENTALI

In Italia, nel silenzio generale, stiamo perdendo l’acqua sotterranea!

Le acque sotterranee non si vedono ma costituiscono un patrimonio di fondamentale importanza. 

Se qualcuno ci chiede di pensare all’acqua ci sovviene l’immagine di un fiume e non quello dell’acqua che abbiamo sotto i piedi. In realtà l’acqua dei fiumi è solo una minima parte dell’acqua di un territorio.

Falde e acquiferi sono contaminati da sostanze che percolano attraverso i terreni provenendo da scarichi industriali, rifiuti accumulati sul suolo o interrati, contaminazione del terreno, fitofarmaci e fertilizzanti usati in agricoltura, scambi con fiumi inquinati.

falda_bigLe acque italiane sono sottoposte dal 2003-2004 ad un monitoraggio costante da parte delle agenzie regionali dell’ambiente secondo le modalità previste dalla Direttiva Comunitaria 60/2000/Acque (http://www.direttivaacque.minambiente.it/documenti/Direttiva_2000-60-CE.pdf). Ci sono punti di monitoraggio su tutto il territorio che vengono campionati periodicamente. Si tratta di pozzi o piezometri (qui sotto un piezometro in un’area contaminata).

PianoDorta_ingressolibero_rete_fintaLe acque sotterranee vengono analizzate…

View original post 916 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...