Problemi alimentari per gli europei a causa delle politiche neoliberiste

ALBAinformazione

bandiere-europeeda HispanTV

Secondo uno studio, il 50% degli europei per ragioni economiche, non può seguire una dieta variegata.

Uno studio commissionato dal Moviemnto ENOUGH di Elanco e realizzato dall’istituto SWG, coinvolgendo oltre 2000 persone provenienti da Italia, Germania, Francia e Regno Unito, ha rivelato che il pesce, la carne di manzo, e il maiale, figurano tra gli alimenti spesso assenti nella dieta.

Come ha spiegato il presidente di SWG, Maurizio Pessato, «questa carenza non è dovuta unicamente a scelte personali o gusti, ma è dettata da ragioni economiche».

Le zone più critiche sono Italia e Francia, dove si è registrata una drastica riduzione dei consumi di carne (79% in Italia e il 62% in Francia).

Le persone sottoposte all’inchiesta hanno riconosciuto che la loro dieta è stata ridefinita quando è iniziata la crisi, con la riduzione del consumo di alimenti costosi sostituiti da cibi più economici.

A questo proposito, l’accesso…

View original post 148 altre parole

18 Aprile #StopTTIP: ecco cosa puoi fare tu

Stop TTIP Italia

18 Aprile, Giornata di Azione Globale contro TTIP, TiSA e CETA
Saranno centinaia di migliaia le persone coinvolte negli oltre 600 eventi e mobilitazioni organizzati per quel giorno. Ognuno può fare la sua parte: in piazza, sul lavoro e persino da casa.
Ecco alcune indicazioni su cosa puoi fare tu per contribuire a una delle più vaste mobilitazioni degli ultimi anni

TTIP campact flickr1
1 – Unisciti a una delle decine di iniziative organizzate in Italia
trovi un elenco aggiornato su http://stop-ttip-italia.net/iniziative-18-04-2015/

2 – Aderisci e diffondi la petizione contro il TTIP, che ha già raccolto quasi un milione e settecentomila firme in tutta Europa
https://stop-ttip.org/firma/

3 – Invia tweet alle persone che conosci inserendo l’indirizzo della raccolta firme https://stop-ttip.org/firma/ l’hashtag #18ADoA e l’account @StopTTIP_Italia

4 – Partecipa anche tu all’iniziativa Uno scatto Stop TTIP
http://stop-ttip-italia.net/uno-scatto-stop-ttip/

5 – Condividi sui tuoi social network la pagina della campagna Stop TTIP dedicata alla mobilitazione…

View original post 304 altre parole

Contrada mafioso a sua insaputa (Marco Travaglio)

Triskel182

Contrada“Contrada condannato per nulla. E ora si riapre il caso Dell’Utri” (il Giornale). “Contrada nel meccanismo infernale”, “Un uomo innocente” (Il Foglio). “Strasburgo respinge la zona grigia del concorso esterno” (Il Messaggero ). “Contrada, condanna iniqua. Se ne accorge l’Europa dopo 23 anni di inferno”(Libero ). “La Corte europea ‘assolve’ Contrada”(La Stampa). Chi ieri avesse comprato uno di questi giornali, s’è fatto l’idea che Bruno Contrada, già capo della Mobile e della Criminalpol di Palermo, già numero tre del Sisde (alla guida del dipartimento Criminalità organizzata) fino al Natale 1992, quando fu arrestato e poi condannato ingiustamente senz’aver fatto nulla.

View original post 848 altre parole

Da Moretti a Bonafè, in tv c’è la droide renzina (Andrea Scanzi)

Triskel182

Renziane

Recita la seconda legge della robotica di Isaac Asimov: “Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge”. Il noto rinnovatore Matteo Renzi ha rottamato anche Asimov. Da qui la creazione di un nuovo robot – la droide renzina – che risponde a una legge debitamente modificata: “Le parlamentari robotiche devono obbedire agli ordini impartiti da me, purché tali ordini non contravvengano a me stesso”. La droide renzina è molto di moda nei salotti televisivi. Generalmente di bell’aspetto ma non troppo, replica i dettami del Gran Capo e dà colore all’arredo. Il modello non è in realtà nuovissimo, derivando infatti dal celebre Protocollo C3BO Berlusconiano, di moda a cavallo tra i Novanta e gli Anni Zero grazie ai prototipi Carfagna Algida e al malfunzionante Ravetto Blackberry.

View original post 435 altre parole

Blitz di Femen contro Draghi Bce: “Gli acquisti funzionano nessuno stop anticipato” (ANDREA TARQUINI)

Triskel182

BlitzAssalto di una attivista con grida e coriandoli: attimi di paura Indagine sulla sicurezza. Qe, smentita l’indicazione di un termine.

BERLINO – «End the Ecb dictatorship! », basta con la dittatura della Bce. Sorprendendo tutti, la ventunenne attivista tedesca di Femen Josephine Witt è stata l’evento del giorno alla conferenza stampa di Mario Draghi dopo la riunione del board. Accreditatasi come giornalista, ingannati i controlli, è balzata sul tavolo del presidente, gli ha lanciato addosso un enorme pacco di coriandoli, ha gridato i suoi slogan. La sicurezza è intervenuta subito, Draghi è apparso sorpreso ma tranquillo, ha alzato le braccia in un naturale gesto di difesa, poi ha ripreso con aplomb britannico: «Adesso riprendiamo da dove eravamo rimasti, prego la prossima domanda».

View original post 503 altre parole

Expo: presi a pizze in faccia dai padroni del cibo

Il simplicissimus

downloadE’ probabile che molti abbiano visto lo spot: una famigliola si trova in pizzeria e quando il cameriere chiede al  pargolo che pizza vuole, quello risponde Happy meal, vale a dire uno dei menù di McDonald, spiegando che i bambini sanno ciò che è buono e non si curano dei residui culturali degli adulti legati a cibi arcaici come la pizza.

E’ uno dei primi effetti Expo di cui McDonald è uno dei grandi sponsor ufficiali assieme alla Coca Cola e alle grandi multinazionali agroalimentari protagoniste pressoché uniche della tribuna di discussione in quella che ormai appare non come un’esposizione universale, ma come una sorta di sagra culinaria di massa. Altro che piccoli produttori ed eccellenze di nicchia, come recita una parallela retorica, altro che valorizzare il territorio e le diverse culture del cibo, altro che chilometri zero, altro che nutrire il pianeta: lo spazio viene dato al prodotto globale standardizzato e…

View original post 583 altre parole

Conferenza stampa StopTTIP: Roma, 17 Aprile ore 14.30, sala stampa sede Parlamento EU

Stop TTIP Italia

Stop TTIP Italia: al via la giornata globale contro il TTIP e i trattati di libero scambio

In occasione della Giornata di azione globale contro il TTIP i trattati di libero scambio, in programma sabato 18 aprile, la Campagna Stop TTIP organizza una conferenza stampa

venerdì 17 aprile alle 14:30 presso la sala stampa sede romana del Parlamento Europeo
via IV novembre 149 a Roma
.

Sarà l’occasione per fare il punto della situazione sulle mobilitazioni del 18 Aprile quando cittadini e movimenti della società civile scenderanno nelle piazze di oltre 600 città in tutto il mondo (30 in Italia) sotto lo slogan: “Le persone e il pianeta prima dei profitti”. Le oltre 200 organizzazioni italiane che hanno aderito alla Campagna Stop TTIP parteciperanno alla giornata di azione globale con decine di iniziative in tutto il Paese. Intanto, prosegue la raccolta di firme dopo che quasi un milione…

View original post 132 altre parole

Crozza: «La scuola dovrebbe aprirti la mente, non la testa»

A "loro" fa comodo un polo di pecore ignoranti che non pensano, com e la "fattoria degli animali" ogni riferimento ai "porci" è voluto e calza alla perferzione   Crozza: «La scuola dovrebbe aprirti la mente, non la testa».

Mezzo su mille ce la fa (Marco Travaglio)

Triskel182

Finanziamento

Chi l’avrebbe mai detto: indifferenti ai cosiddetti “costi della democrazia”, insensibili al presunto “primato della politica”, per nulla commossi dal grido di dolore dei partiti in bolletta che piangono miseria dopo l’abolizione del finanziamento pubblico diretto, anzi piuttosto scandalizzati dalle loro fonti di sostentamento alternative (rimborsi istituzionali per spese private, tangenti mascherate da donazioni a fondazioni e aziende vinicole, oltre – si capisce – alle vecchie care mazzette), gli italiani non hanno alcuna intenzione di foraggiare la Casta.

View original post 833 altre parole

Non solo bonus, il vero costo delle promesse (Stefano Feltri)

continuano a spolparci sono arrivati all’osso

Triskel182

Il conto

Le promesse possono diventare una maledizione, anche e soprattutto quando vengono mantenute. L’ultima si trova nel Pnr, il Programma nazionale di riforme da mandare a Bruxelles, l’elenco degli impegni presi dal governo per ottenere i numeri indicati nel Documento di economia e finanza, il Def. Il premier Matteo Renzi si impegna con la Commissione europea ad approvare la riforma della legge elettorale entro maggio 2015. Nella bozza la scadenza era luglio, ma serve il voto prima che le elezioni regionali sconquassino il Parlamento. E quindi ecco la promessa, per poter poi dire alla minoranza riottosa del Pd “ce lo chiede l’Europa”. QUESTA È UNA PICCOLA PROMESSA, però, infilata quasi abusivamente in un programma economico. Quelle che lasciano tracce pesanti sono altre.

View original post 572 altre parole

I furbetti dell’autostradina

Il simplicissimus

Anna Lombroso per il Simplicissimus

E basta denigrare il governo, neanche fossero ubriachi che procedono a tentoni mossi solo da interessi opachi che contrastano con quello generale, incompetenti in ogni materia tecnica salvo l’ingegneria, ma del consenso, arruffoni e sconnessi dal popolo del quale dovrebbero rappresentare e soddisfare bisogni e aspettative.

In occasione del Def invece hanno mostrato una inattesa cautela ed una lodevole propensione alla parsimoniosa gestione della spesa, come bravi padri di famiglia, influenzati forse dalla propensione alla premurosa e prolifica dedizione agli affetti domestici del nuovo ministro delle infrastrutture, che  rischia di superare di gran lunga la paterna sollecitudine del suo predecessore. E infatti con mano ferma, che vuole testimoniare non solo simbolicamente la discontinuità con un passato ingombrante,  zac! è  stato tagliato il catalogo di ben   400 opere ed interventi per un ammontare di quasi 380 miliardi di spesa, riducendoli a “soltanto” 51.

I più sospettosi…

View original post 641 altre parole