Homo homini Lupi

Il simplicissimus

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Lo ammetto, non amo l’umanità, amo alcune persone. Non mi riconosco in una patria, la mia heimat sono quelli che amo e che mi amano. Non sento di appartenere a un popolo, anche se ne rispetto la storia, se parla anche di riscatto, la tradizione e la cultura, se parlano anche di poveri e oppressi oltre che di eroi, navigatori e poeti.

Penso che abbiano ragione gli amici che ieri a commento del mio post sull’ordinario capitolo di corruzione sempre riaperto, mi hanno ricordato le responsabilità degli italiani, i vizi connaturati alla nostra autobiografia nazionale, l’indole all’ubbidienza alla chiesa, alla prepotenza di tiranni idolatrati e velocemente rinnegati, l’inclinazione all’oblio del proprio passato, anche quello glorioso, la predisposizione a un conformismo di comodo, un istinto a convertire un malcostume: familismo, clientelismo, corruzione, in inevitabile  scorciatoia per difendersi ancora più tollerabile e legittimata quando tutto diventa e…

View original post 696 altre parole

Balle coi Lupi (Marco Travaglio).

Triskel182

RenziQuando parla un politico, viene sempre da domandarsi: “Ma chi glieli scrive i testi a questo?”. Le intercettazioni della Banda Larga ci regalano una risposta sul ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, un tipo così sveglio e competente da stare lì sia con Letta sia con Renzi: il suo paroliere era Ercole Incalza. Il che spiega perché il sosia di Mariangela Fantozzi se lo tenesse ben stretto, anche da pensionato, con consulenze co.co.co. E perché minacciasse di far cadere il governo nel caso in cui la sua struttura fosse stata smantellata. Senza Ercolino, Lupi si sentiva perduto. Gli mancava la parola. Incalza stava a Lupi come Mogol e Panella a Battisti. Solo che Battisti, di suo, ci metteva le musiche, e che musiche. Lupi ci metteva gli errori, e che errori. Il 28 dicembre 2013 il presunto ministro deve dare un’intervista al Corriere sulle opere pubbliche. E, pur seguendole da 8…

View original post 794 altre parole

FACCE DI BRONZO (Antonio Padellaro).

Triskel182

ScalfarottoLo scandalo è bello grosso e infatti di prima mattina eccoli paracadutati nei talk show per difendere l’indifendibile, negare l’evidenza, confondere le acque. In missione per conto di Renzi, in quel di Agorà (Rai3), la parola all’onorevole Ivan Scalfarotto, trascorsi decorosi per i diritti civili, oggi detergente multiuso. Prova “schifo” Ivan Mastro-lindo e vorrei vedere voi a passare lo straccio sul sistema Incalza, 35 anni di appalti, 14 inchieste, un vorace amico detto Pigliatutto. Niente paura, l’ottimo governo lavora indefesso per il bene comune e la puzza diventa odor di gelsomino. Nello studio delle facce di bronzo “siamo tutti garantisti” che per l’uso smodato del termine ricorda il patriottismo secondoSamuel Johnson, ultimo rifugio dei farabutti.

View original post 187 altre parole

Il ministro ai dipendenti “Non si accettano regali oltre 150 euro di valore” (SEBASTIANO MESSINA).

Triskel182

LupiUn anno fa Lupi firmò il codice etico del suo dicastero che vieta di ricevere doni o benefici come un Rolex o un lavoro.

LA REGOLA che dovrebbe spingerlo a dimettersi subito, il ministro Maurizio Lupi l’ha scritta lui stesso il 9 maggio dell’anno scorso. E’ il Codice Lupi, un decreto che fissa in maniera chiarissima cosa è tassativamente vietato a tutti i dipendenti del suo ministero, applicando il Codice Etico approvato dal governo Monti. Articolo 4: «Regali, compensi e altre utilità». Comma 2: «Il dipendente non accetta, per sé o per altri, regali o altre utilità, salvo quelli d’uso di modico valore», ovvero «non superiore a 150 euro». Queste sono le regole etiche di cui il ministro pretende l’assoluto rispetto da parte dei dirigenti e dei funzionari che lavorano con lui: mai accettare, «per sé o per altri», regali imbarazzanti come un Rolex o «altre utilità» come l’assunzione di…

View original post 717 altre parole

Incalza, specialista nel boom dei costi (Carlo Di Foggia).

Triskel182

IncalzaPER LUPI È UN MANAGER CHE “L’EUROPA CI INVIDIA”. COME NO? IL “SUO” TAV È IL PIÙ “LENTO” E PIÙ CARO DEL MONDO.

Era il migliore nel suo campo. La scelta di conservare Ercole Incalza alla guida della struttura tecnica di missione del ministero dei Trasporti ha una spiegazione: aveva 18 procedimenti giudiziari alle spalle, ma “è uno dei tecnici più stimati nel settore, in Europa ce lo invidiano”, ha spiegato ieri il ministro Maurizio Lupi a Repubblica. Secondo la Procura di Firenze, invece, è il ras del sistema corruttivo che gonfiava i costi delle Grandi opere.  In principio fu la legge obiettivo di Silvio Berlusconi e Pietro Lunardi – anno 2001 – per semplificare le procedure per le grandi infrastrutture. Lunardi chiama Incalza a tessere la tela dalla cabina di regia. Risultato? A 14 anni di distanza, degli 285 miliardi di opere inserite, quelle ultimate valgono solo l’8,6%…

View original post 442 altre parole

MILANO EXPO LA FIERA DEL TAROCCO (Alessandro Robecchi).

Triskel182

Piovono pietrePIOVONO PIETRE
Expo Milano, se va avanti così la inaugura Foody la mascotte.

Se va avanti così, a tagliare il nastro all’inaugurazione dell’Expo ci sarà solo Foody, la povera mascotte del Grande Evento, un pupazzo con la faccia di frutta e verdura che, direte voi, è sempre meglio che aver la faccia di bronzo o peggio. O forse no: a inaugurare la Grande Esposizione Universale ci saranno tutti, in pompa magna e con la banda, la propaganda a soffiare retorica del Grande Colpo di Reni italiano. La seconda ipotesi è la più probabile, secondo la ben nota teoria da generali in pensione secondo cui è meglio dire che hai vinto anche quando hai perso. Prepariamoci.

View original post 479 altre parole

Il Csm: trasferire Di Matteo ovunque, mai in Antimafia (Antonella Mascali).

Triskel182

Di MatteoLA COMMISSIONE: “VIA DA PALERMO PER MOTIVI DI SICUREZZA”. MA IL PM RIFIUTA.

Quella nomina non si deve fare. Il Csm le sta provando tutte pur di non far arrivare alla Procura nazionale antimafia (Dna) il pm Nino Di Matteo, da oltre 17 anni impegnato in prima fila nella lotta a Cosa Nostra e ai suoi fiancheggiatori, anche istituzionali. Venerdì il magistrato ha ricevuto dalla Terza commissione una convocazione a “comparire personalmente per essere ascoltato in relazione alla pratica di trasferimento extra ordinem tesa a tutelare le esigenze di sicurezza in base alla normativa vigente, fermo restando il principio di inamovibilità (in questo caso il magistrato può essere trasferito solo volontariamente, ndr)”. La pratica è stata aperta il “5 marzo”, giorno in cui alcuni giornali hanno dato la notizia che proprio la Terza commissione aveva escluso Di Matteo la settimana precedente dalla corsa alla Dna.  

View original post 509 altre parole

Frodi alimentari quasi quadruplicate dall’inizio della crisi

made in italy? boh

5 MINUTI PER L'AMBIENTE

Due italiani su tre ammettono di essere preoccupati per la salubrità dei cibi e chiede un inasprimento delle pene per chi commette frodi alimentari. La crisi ha fatto esplodere il fenomeno delle frodi alimentari. Coldiretti ha condotto un’indagine in base ai dati raccolti dai carabinieri dei Nas sulle frodi alimentari rilevate nei primi nove mesi dell’anno dal 2008 al 2014. Non si tratta di una scelta causale, visto che la crisi, in Italia, arrivò proprio nell’ottobre 2008. Ebbene in sei anni, dal 2008 la 2014, le frodi scoperte dai Nas hanno subito un incremento del 277%. Dai cibi scaduti a quelli etichettati in maniera fraudolenta, dai cibi low cost a quelli in cattive condizioni igienico-sanitarie o privi di tracciabilità, il cibo italiano, in virtù della sua qualità unanimemente riconosciuta, fornisce ampi margini di guadagno a chi decide di sfruttarne la fama in maniera illegale.La crisi, con la conseguente…

View original post 111 altre parole

Se io do una cosa a te, poi ne voglio trentatrè

Like @ Rolling Stone

altan_ricattoIl Presidente del Consiglio Matteo ‘enzi, dopo aver annunciato per mesi che il primo provvedimento d’urgenza per realizzare la sua “Buona scuola” sarebbe stato l’assunzione dei docenti precari con un decreto legge, nella conferenza stampa di giovedì scorso ha invece cambiato completamente strategia.

View original post 326 altre parole

Reporter senza frontiere, ecco come aggirare la censura online – Wired

Per festeggiare la giornata mondiale contro la censura su Internet i giornalisti di Reporter senza frontiere ieri hanno diffuso i link ai mirror di nove siti bloccati nei paesi d’origine. L’idea, sviluppata insieme a un’organizzazione cinese per i diritti umani e la libertà di stampa, ha visto la collaborazione di alcuni giganti del web come … Continua a leggere Reporter senza frontiere, ecco come aggirare la censura online – Wired

La carica degli anti Carroccio festa per ventimila dopo la paura “Siamo di più, la capitale è nostra” (CORRADO ZUNINO).

veramente un’altra civiltà, un’altro modo di vedere l’a vita, l’altro comunque sia il suo colore di pelle o religione, ma se proprio vogliamo giudicare, (e non si dovrebbe) giudichiamo per le le azioni e i fatti. sono schifato dal fatto che un essere umano che nasce nel mio Paese non abbia la mia stessa cittadinanza, il retaggio fascita non solo ce lo portiamo sempre dietro ma adesso sembra pure alzare la testa e la voce invece di rimanere rintanati nei loro covi a meditare odio verso qualunque forma di diversità che non sia il loro tetro format NERO

Triskel182

Mai con salviniSenza casa, migranti, centri sociali e partigiani dell’Anpi contro l’alleanza Lega-CasaPound Balli e concerti per dire “no a razzismo e fascismo” e “al malgoverno che ci ruba la vita”.
ROMA – Sono tanti nelle strade di Roma, gli anti-Salvini. Ventimila almeno, quando la Piazza del Popolo fascio-leghista si mostra per metà vuota e con larghi spazi. La battaglia delle presenze l’hanno vinta gli “anti” (fascisti, leghisti, razzisti). Non sono i trentacinquemila urlati dal camioncino che ritma i passi e dà gli aggiornamenti — «… hanno arrestato una compagna dei senza casa… Nella notte a Napoli dieci fascisti hanno attaccato due dei nostri…» —, ma il fiume di persone la cui testa è alla fine di via Cavour non lascia vedere la sua coda, che ancora curva in piazza dell’Esquilino: ottocento metri di folla lenta e divertita.
«Salvini, hai detto che siamo quattro squadristi: contaci uno a uno, non ci riesci manco…

View original post 636 altre parole

L’INVASIONE MIGRANTE LA GRANDE PAURA È UNA GROSSA BUFALA (Antonello Caporale).

solo gli sprovveduti credono alla propaganda…

Triskel182

Dove sono

GLI SBARCHI SONO AUMENTATI, MA NON TUTTI GLI STRANIERI VOGLIONO FERMARSI: SOLO 70 MILA SU 170 MILA L’ANNO SCORSO. NEL 2011 MARONI, MINISTRO LEGHISTA, PREVIDE 80 MILA INGRESSI.

La realtà è solo ciò che appare. È unicamente quel che rimandano in circuito il web, la televisione, i giornali. Le foto di Lampedusa, i derelitti umani ripresi al largo delle coste, la massa disperata e imballata su gommoni di fabbricazione cinese che dopo tre miglia sono destinati all’inabissamento divengono il fondale della Grande Paura, cartellonistica pubblicitaria per frasi shock, sostegno visivo all’uso quotidiano di uno spot politico che sta facendo faville e merita di essere approfondito.  Siamo invasi dagli immigrati, anzi: siamo all’apocalisse dei barconi. Nella torre di Matteo Salvini, che ieri svettava alta a piazza del Popolo, a Roma, i neri d’Africa e i musulmani d’Oriente stanno per cingerci al collo, toglierci la libertà, quel poco di prosperità che…

View original post 912 altre parole