#TortureReport shows need for accountability of high ranking Bush administration officials

Amazon Sellers Attorney

By Kenneth Eade

After the recent release of six long-term detainees in indefinite detention from the Guantanamo Bay Detention Camp to Uruguay and the release of the CIA Torture Report, we are reminded once again of the abuses that our own government has committed in the so-called “War on Terror.”

The Government, under George W. Bush, took the position that the U.S. Constitution had no effect either in CIA prisons out of the United States or at Guantanamo Bay.  It also believed that the Geneva Conventions of 1949 did not apply to any prisoners captured in the wars in Afgahnistan or Iraq.  The Geneva Conventions provide protections for any enemy soldier captured in fighting.  Article 3 of the Geneva Conventions prohibits detention practices that are cruel, degrading, or humiliating.”  Revelations of anal intrusions, sexual assault, waterboarding, and the like are serious violations of the Conventions, equivalent to war crimes.   But…

View original post 1.482 altre parole

Il Presidente del Borgorosso Fotticlub

completamente daccordo il problema sono le persone con scarso discernimento della reltà che ci circonda, una regressione antropologica iniziata con b

Il simplicissimus

Anna Lombroso per il Simplicissimus

« Chi si astiene dalla lotta
è un gran figlio di mignotta ».

No, non è il presidente del Consiglio a parlare contro i gufi e i disfattisti. È invece Benito Fornaciari,  presidente del Borgorosso Football Club che chiama al dovere giocatori e tifosi  per la grandezza della squadra ereditata dal su’ babbo.

Per mesi commentatori e opinionisti hanno decantato la vocazione a comunicare dell’attempato zerbinotto che ha “ereditato” anche lui proprietà e incarico, con all’attivo la vittoria della partita europea che peraltro non legittima l’indirizzo poli­tico di governo e non ha nulla a che fare con la mag­gio­ranza par­la­men­tare e con la legi­sla­zione ita­liana, ma che ha accreditato un’indole  da statista e una capacità indiscussa di attrarre e coagulare consenso intorno a slogan e annunci pubblicitari.

Ieri invece la svolta: il consumato banditore all’asta dei nostri beni, il venditore dei tesori di famiglia, il collaudato spacciatore…

View original post 487 altre parole

RENZI DÀ LEZIONI ALLA STAMPA SOLO PER LUI VA TUTTO BENE (Wanda Marra).

il pifferaio continua i suoi show anche di fronte a persone acculturate, esibendo il meglio del repertorio annunciatorio” ego-vanesio come pochi e ancora ci sono persone che gli credono nonostante le batoste che continua a rifilare a precari, lavoratori, studenti, disoccupati e pensionati, le uniche categorie rartassate da tutti i governi “napolitano”

Triskel182

DiscorsoOTTIMISTICA CONFERENZA DI FINE ANNO: “IL 2015 SARÀ L’ANNO DEL RITMO”.
Vorrei dirvi che al di là dei toni considero il vostro servizio davvero importante, penso che il mondo del giornalismo non sia cosa diversa dalla classe dirigente di questo Paese”. Alla fine della conferenza stampa di fine anno, organizzata dall’Ordine dei giornalisti, Matteo Renzi diventa solenne. Per le due ore e passa precedenti ha ingaggiato un corpo a corpo con la stampa presente: attaccando, ridicolizzando, non rispondendo, scherzando. Argomentando e difendendo l’operato del suo governo, giocando tutte le palle, facili e difficili, che la platea gli fornisce. Abito scuro, cravatta rossa, combattivo e strafottente, sembra lo stesso premier che andò a chiedere la fiducia alle Camere, parlando con le mani in tasca, facendo un discorso sfilacciato che volutamente saltava i parlamentari, per arrivare direttamente nelle case degli italiani.

View original post 914 altre parole

Pensavo fosse il premier, invece era un calesse (Andrea Scanzi).

Triskel182

Crozza-renzi

Non era Crozza, anche se sembrava. Era quello vero, quello originale. Matteo Renzi in persona. La conferenza di fine anno è stata l’occasione giusta per esaltare la prossemica d’ordinanza: faccette caricaturali, sguardo all’insù tipo Verdone e risatine di chi si crede Lenny Bruce ma pare piuttosto un Panariello in diesis assai minore. Protetto da domande quasi sempre accomodanti (mancava solo “Preferisce pandoro o panettone?”), Renzi ha dispensato una volta di più ottimismo, che come noto è il profumo della vita.  PER L’OCCASIONE aveva i capelli scompigliati, quasi a lasciare intendere che lui di notte non organizza cene eleganti ma si occupa di massimi sistemi e Norman Atlantic. L’effetto scenico è stato un po’ diverso, al punto che un satirico come Luca Bottura ha twittato: “Vorrei fare a Renzi la critica politica che lo infastidirà di più: ha un sacco di capelli bianchi nuovi e non li lava da qualche…

View original post 580 altre parole

Trivellazioni, Legambiente a Chiamparino: «Cosa aspetta a impugnare lo Sblocca Italia?»

Triskel182

chiamparinoIl decreto si sta rivelando una scommessa persa che rischia di avere effetti nefasti sul nostro territorio.

Sono già 6 le Regioni – Abruzzo, Campania, Lombardia, Marche, Puglia e Veneto –  che, entro il 10 gennaio, hanno deciso di impugnare di fronte alla Corte Costituzionale  la legge 166/2014 di conversione del decreto 133/2014, in particolare l’articolo 38 del decreto Sblocca Italia che sceglie le trivelle per fare cassa a spese dell’ambiente. Come sostenuto e richiesto da Legambiente, Fai, Greenpeace, Marevivo, Touring Club Italiano e Wwf ed associazioni e comitati locali, le Regioni stanno decidendo di contrastare la forzatura, voluta dal Ministero dello Sviluppo Economico, e  secondi gli ambientalisti e le Regioni «Contraria al Titolo V della Costituzione, che bypassa l’intesa con le Regioni e stabilisce corsie preferenziali e poco trasparenti per le valutazioni ambientali e per il rilascio di concessioni uniche di ricerca e coltivazione di idrocarburi. Trivellazioni che potrebbero interessare anche…

View original post 445 altre parole

Legge di Stabilità: piccoli cambi. Diabolici (Tito Boeri).

Triskel182

In sede di approvazione, Senato, Camera e Governo stesso hanno fatto alcuni cambiamenti alla legge di Stabilità. Piccoli ma significativi. Si va dalla riduzione di importanti tagli (Regioni e Difesa) alla discutibile forma di tassazione dei fondi pensione, fino a qualche “mancetta” secondo tradizione.

Piccoli cambiamenti quelli apportati dal Parlamento alla Legge di Stabilità nel rush finale tra Senato e Camera. Piccoli ma significativi e, purtroppo, non per il meglio. E il clima di smobilitazione oltre al fatto che è stato chiesto di fatto un voto alla cieca, li hanno resi impercettibili ai più.

View original post 634 altre parole

Sign this petition to tell the UK’s most iconic cultural institutions to drop BP sponsorship.

Right now, the British Museum, National Portrait Gallery, Royal Opera House and Tate Galleries are all sponsored by BP. Whether or not their sponsorship is renewed depends on how many of us raise our voices to object. In return for contributing only a tiny percentage of each organisation’s income, BP gets desperately-needed credibility. This helps … Continua a leggere Sign this petition to tell the UK’s most iconic cultural institutions to drop BP sponsorship.

“Il nostro mondo è Gasbarra” Affari e voti all’ombra della coop (Eduardo Di Blasi).

#mafiacapitale

Triskel182

Strategie

TREMA IL PD LAZIO.

Affari, voti, scambi tra destra e sinistra. Quello che succedeva nelle aule del consiglio comunale capitolino, nei cda delle municipalizzate, in Regione Lazio, ma anche ai vertici delle ex circoscrizioni. La politica romana degli ultimi anni, letta con gli occhi di Salvatore Buzzi, è una fotografia di appalti, soldi e voti. I politici sono roba sua: “Ho 11 consiglieri”, si vanta al telefono facendo i conti per vedere se riesce a far passare un suo progetto. Maggioranza e opposizione non contano. Buzzi ritiene suo anche il mini sindaco di Ostia Andrea Tassone, nel territorio del quale ha appena avuto diversi appalti: “Però Tassone è nostro eh.. è solo nostro.. non c’è maggioranza e opposizione è mio”. 

View original post 338 altre parole

Giochi di prestigio: il trucco delle Olimpiadi

Il simplicissimus

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Chissà perché gli italiani si ostinano a non guardare i trailer. Eppure quasi sempre basterebbero quelli per sapere tutto del film che li aspetta, al cine o nella realtà.

Così incurante di quello che successe ad Atene, di quello che è accaduto in Brasile, Renzi, che aveva all’uopo inaugurato la fase dell’annuncio degli annunci: tra due giorni vi rivelerò una grande sorpresa per Roma, ha comunicato ufficialmente la candidatura della Capitale per le Olimpiadi del 2024. E dire che l’unica decisione non riprovevole attribuibile a Monti fu proprio la scelta di rinunciare ai giochi del 2020, motivata oltre che da ragioni economiche, dalla preoccupazione di “governarne” gli effetti collaterali: impatto ambientale, infiltrazioni criminali negli appalti, corruzione.

Ma per lo zerbinotto di Rignano, già appagato di stare al fianco di campionesse e bellocci del Gotha sportivo,  sono apprensioni irrilevanti, remore da gufi, allarmi da perdenti, che…

View original post 684 altre parole

MOSE. LA RETATA STORICA.

SALVIAMO VENEZIA

moseretata

“La famosa maxi tangente dell’Eni degli anni ’90 – 140 miliardi di lire, 70 milioni di euro – è niente in confronto allo scandalo del cosiddetto “sistema Mose” che in dieci anni ha raggiunto quota 1 miliardo di euro. Di questo, cioè dell’inchiesta che ha travolto Venezia e il Veneto, si parlerà mercoledì 17 dicembre, alle 17.30, a Venezia, al Palazzo delle Prigioni, Castello 4209, sede del Circolo artistico (a fianco di Palazzo Ducale, lungo Riva degli Schiavoni, dopo il Ponte della Paglia), dove si svolgerà la presentazione del libro “Mose, la Retata storica” di Gianluca Amadori, Monica Andolfatto, Maurizio Dianese (editore Nuova Dimensione). Il libro racconta nel dettaglio, con documenti inediti e numerosi retroscena, tutte le fasi delle indagini, fino al patteggiamento di gran parte degli imputati. Una storia vera che si legge tutta d’un fiato.”

View original post

Buzzi era alla cena del premier all’Eur Portato dal Pd di Roma (Wanda Marra).

non avevo dubbi in proposito

Triskel182

Alcuni nomi

PAURA PER UNA PROSSIMA VALANGA DI INDAGATI. IL SISTEMA APPARE TROPPO PERMEABILE. A CHI TOCCHERÀ ADESSO?.

Salvatore Buzzi, il gestore degli affari della cupola, colui che aveva il libro paga di ‘mafia capitale’, alla cena di fundraising del Pd di Roma c’era. Portato dal partito cittadino. Magari da Mirko Coratti, allora presidente dell’assemblea capitolina, e ora dimissionario, perché tra gli indagati. Anche lui seduto a uno dei tavoli del Salone delle Tre Fontane di Roma.  “UN PARLAMENTARE magari portava due o tre ospiti. I quali a loro volta ne portavano altri. La segreteria nazionale aveva un elenco parziale, dei primi ‘invitati’. Non di tutti”. Classico sistema di scatole cinesi per le cene di fundraising del Pd, organizzate una a Milano, l’altra a Roma, il 6 e il 7 novembre. Evento in grande, con comizio del premier e 1000 euro minimo di sottoscrizione per i partecipanti. Un migliaio e più…

View original post 556 altre parole

Save the date: i prossimi appuntamenti della campagna

#StopTtip

Stop TTIP Italia

Si moltiplicano gli eventi pubblici e le iniziative #StopTTIP. E il 9 dicembre, in diretta Livestream, da Bruxelles l’incontro organizzato dal GUE “Stop Ttip – Ceta – Tisa”, con la partecipazione di prlamentari europei e della campagna italiana. Il link sulla pagina del sito @StopTTIP_Italia
5 dicembre – Casole d’Elsa, Fiesole, Margine Coperta, Sarteano, Palermo
6 dicembre – Mortara, Palermo
9 dicembre – Bruxelles, Massa
11 dicembre – Lucca
[…]

Continua su http://stop-ttip-italia.net/iniziative-stop-ttip/

View original post

l Paese che vive nella Terra di mezzo (Roberto Saviano).

Triskel182

SU “Mafia capitale” sappiamo tutto, abbiamo letto le cronache dell’operazione condotta dai Ros del generale Parente e dalla Procura di Roma guidata da Giuseppe Pignatone, abbiamo letto l’ordinanza del gip Flavia Costantini, ma non so se è chiaro a tutti cosa sia accaduto a Roma.
E cosa molto probabilmente sta accadendo altrove in Italia. Succede alla politica italiana ciò che sta accadendo alla società civile che guarda alla politica con schifo, senza riuscire a percepire le proprie responsabilità. Accade che in politica ci si venda, si ipotechi la propria anima per pochi spiccioli (ci sono mazzette da 750 euro prese senza la reale percezione della gravità della situazione come una legittima e piccola regalia). Accade che la politica non abbia autorevolezza e idee proprie, accade che la politica venga percepita come una occasione di guadagno, un mestiere che arriva senza dover studiare, senza curriculum ed esperienza.

View original post 1.235 altre parole

Il Pd si divide e «salva» due politici sotto inchiesta.

Ci vorrebbe qualcuno che fermi questa casta di impuniti e impunibili, la corruzione ci sta travolgendo, gli unici che non se ne rendono conto sono loro.

Triskel182

papania-ninoDoppio no del Senato sull’utilizzo di intercettazioni in inchieste a carico dell’ex senatore pd Antonino Papania e del presidente della commissione Bilancio di Palazzo Madama Antonio Azzollini (Ncd). Su Papania c’è stato un ripensamento dei dem: in giunta per le Immunità avevano detto «sì» al tribunale di Palermo sull’utilizzo delle intercettazioni in un processo per corruzione; in Aula hanno stoppato tutto e rinviato il «dossier» in giunta. «È grave la scelta del Pd — attacca Maurizio Buccarella (M5S) — soprattutto il giorno dopo la decisione di commissariare il partito romano per fatti di corruzione e mafia». Papania, già definito «impresentabile» dalla commissione di garanzia del Pd alle ultime Politiche, è coinvolto tra Trapani e Palermo in una serie di inchieste, anche sul voto di scambio.

View original post 200 altre parole