B. arraffa la Giustizia con Costa & Ferri (l’ha chiesto Verdini) (Carlo Tecce).

a cosa credete sono serviti tutti gli incontri più o meno conosciuti, quello che dispiace è vedere tanti italiani più o meno in buona fede, avere così scarso senso di percezione della realtà, una rimozione continua di tutti gli accadimenti, un’oblio indotto e voluto sono pochi quelli che si salvano. la soluzione è semplice far funzionare la mente e ragionare ma questo presuppone impegno e fatica e non tutti sono disposti a farlo, preferendo sopravvivere come sudditi in questa finta democrazia dove ci siamo resi conto che la legge non è uguale per tutti. (tra l’altro)

Triskel182

Giustizia

GIUSTIZIA

Quando c’era da sbertucciare un magistrato, da smontare un’indagine o da rammentare una leggina, l’avvocato Enrico Costa, erede di papà Raffaele, liberale con sette legislature e pluriministro con quattro governi, non mancava mai. Reattivo, soltanto Niccolò Ghedini lo precedeva per veemenza. Chirurgico, soltanto la Consulta ha sminato il Lodo Alfano che contribuì a scrivere. Quasi beffardo: “A differenza dei pubblici ministeri di Milano che sono a loro agio a parlare di bordelli, noi vorremmo che la frenesia che li acceca per mandare a casa il presidente Silvio Berlusconi non li inducesse a trasformare le aule di giustizia in volgari palcoscenici sui quali distorcere la realtà”.

View original post 590 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...