L’ITALIA È UNA REPUBBLICA CHE CONVIVE CON LA TORTURA

Bolzaneto, giustizia negata

L’ITALIA È UNA REPUBBLICA CHE CONVIVE CON LA TORTURA

Trenta assolti e solo quindici condannati al processo per le violenze nella caserma al G8 di Genova nel 2001. E grazie alla prescrizione nessuno pagherà.

COMMENTI AUDIO di VITTORIO AGNOLETTO – DON VITALIANO DELLA SALA -DON TONIO DELL’OLIO – DARIO FO – DON GALLO – GIULIANO GIULIANI – LORENZO GUADAGNUCCI – ETTORE ZERBINI

La richiesta di rinvio a giudizio – Storia e udienze – Testimonianze
Marco Poggi: “Io, l’infame della caserma che ha denunciato quelle torture”

BIBLIOGRAFIA – VIDEO – RASSEGNA STAMPA

http://temi.repubblica.it/micromega-online/

di Italo Di Sabato, responsabile naz.le Osservatorio sulla Repressione PRC/SE

“Un dato è certo: violenze e torture da parte di poliziotti e personale medico a Balzaneto, durante il G8 nel luglio 2001 sono avvenute, anche se la sentenza emessa dalla magistratura genovese ha accertato solo specifici episodi. Ma un altro dato emerge dalla sentenza: la violazione dei diritti umani per i giudici di Genova è un reato lieve destinato alla prescrizione.

E’ pur vero che in questi anni il parlamento è stato incapace di approvare una legge sulla tortura, ma quello che si è accertato dalla requisitoria dei PM è che a Bolzaneto furono commesse violenze inaccettabili.

Da parte nostra, a partire dagli appuntamenti del prossimo fine settimana a Genova, continueremo a lavorare affinché vada messa sotto accusa l’intera catena di comando che ha pianificato e realizzato la repressione al G8 di Genova. Le 15 flebili condanne andranno anche in prescrizione, ma le responsabilità politiche possono e devono essere individuate, perchè i protagonisti, a partire dall’allora capo della polizia Gianni De Gennaro, sono tuttora ai vertici delle istituzioni.

Non esiste alcuna possibilità che le violenze poliziesche di piazza, che hanno portato all’uccisione di Carlo Giuliani e all’aggressione a migliaia di manifestanti, così come le torture e i pestaggi a Bolzaneto e alla scuola Diaz possano essere frutto di iniziative casuali e spontanee da parte di singoli.

La mancata istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta anche da parte di un governo di centrosinistra, pesa come un macigno sull’isolamento in cui la magistratura genovese è stata lasciata nella ricerca della verità e della giustizia sui fatti del G8″.

Carta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...