The Nakba did not start or end in 1948

Key facts and figures on the ethnic cleansing of Palestine.

Every year on May 15, Palestinians around the world, numbering about 12.4 million, mark the Nakba, or “catastrophe”, referring to the ethnic cleansing of Palestine and the near-total destruction of Palestinian society in 1948.

The Palestinian experience of dispossession and loss of a homeland is 69 years old this year.

On that day, the State of Israel came into being. The creation of Israel was a violent process that entailed the forced expulsion of hundreds of thousands of Palestinians from their homeland to establish a Jewish-majority state, as per the aspirations of the Zionist movement.

Between 1947 and 1949, at least 750,000 Palestinians from a 1.9 million population were made refugees beyond the borders of the state. Zionist forces had taken more than 78 percent of historic Palestine, ethnically cleansed and destroyed about 530 villages and cities, and killed about 15,000 Palestinians in a series of mass atrocities, including more than 70 massacres. read

Why Corporations Always Win

Rigged Game

Cross-posted from Truth-Dig

Noam Chomsky’s new book, “Requiem for the American Dream: The Ten Principles of Concentration of Wealth and Power,” based on the film of the same name, is a primer in Chomsky’s analysis of the faults of the American political and economic system. Taking as its backbone the idea that “a significant part of the American Dream is class mobility: You’re born poor, you work hard, you get rich,” Chomsky systematically documents the many ways the system is rigged from top to bottom to ensure that corporations always win.

As Truthdig columnist Chris Hedges notes in a blurb for the book, “Its power to write its own laws and regulations, Chomsky points out, has ultimately created a mafia economic system and a mafia political system that is exemplified in the rise to power of the demagogue Donald Trump.”

In this book excerpt, we present here Chomsky’s Principle #6:…

View original post 346 altre parole

Gli xenofobi insultano pure l’Unicef: “Siete pagati per farci invadere”

In questi giorni sui social flotte di razzisti si sono lasciati andare a commenti mostruosi che noi abbiamo pensato di riportarvi qui attraverso questa gallery.

Il Post dell’Unicef

Claudia Sarritzu 2 maggio 2017

La polemica sui presunti rapporti tra trafficanti ed Ong ha sollevato un polverone che è stato riassunto bene nei giorni scorsi da Don Albanesi. Parole sagge le sue in mezzo a tanti sproloqui e alla deriva razzista e xenofoba alimentata dalla destra in concorso con il M5s che sulla pelle dei migranti cerca di contendere qualche voto a Salvini.
“Un tema grave come quello dei migranti non può essere trattato a suon di schermaglie o battute”. Aveva detto il presidente della comunità di Capodarco secondo cui “sono giorni che la politica si perde dietro polemiche oziose e nel frattempo non si occupa del problema di chi parte a rischio di morire in mare”.
“E questo urlare, da una parte e dall’altra – ha aggiunto il sacerdote – sembra voler coprire un messaggio chiaro quanto inquietante: lasciamoli affogare”. “Se si vuole si può andare a fondo alla provenienza dei finanziamenti che permettono a queste Ong monstre di gestire navi che solcano i mari – ha continuato Albanesi – ma la magistratura lavori senza lanciare messaggi preoccupanti, come quelli diffusi dal procuratore di Catania che si dice sicuro che esistano collusioni tra trafficanti e ong, ma dichiara di non averne le prove”.
In questi giorni sui social i fascisti, xenofobi ed egoisti, sdoganati dai partiti populisti (grillini e salviniani), si sono lasciati andare a commenti mostruosi che noi abbiamo pensato di riportarvi qui attraverso questa gallery.  Perché come dice l’Unicef non merita nessun rispetto chi infanga e augura che altri esseri umani muoiano. Vi consigliamo di leggerli a stomaco vuoto, per evitare che la nausea vi faccia un brutto scherzo.












fonte: http://www.globalist.it/news/articolo/215227/gli-xenofobi-insultano-pure-l039unicef-quotsiete-pagati-per-farci-invaderequot.html

Betsy DeVos’s Cynical Defense of the Trump Education Budget Cuts

Longreads

Early in Betsy DeVos’s testimony before Congress on Wednesday we got to see how the Education Secretary can magically turn less money into “more latitude.”

In her opening remarks to a House Appropriations subcommittee, DeVos, argued that the budget — which proposes cutting Department of Education programs by more than $10 billion — represents a rethinking of the role of the federal government in education, giving states and communities greater control and freedom in how they serve students and families. DeVos’s “control and freedom” narrative includes a proposed $250 million for school vouchers, which diverts money to private and religious schools. 

View original post 556 altre parole

Weather Wars Atmo Rivers & Too Hot Now- Earth Frying ~Judas Amigo Blues

TABU; Towards A Better Understanding

Must Watch. Critical New Information about Geoengineering and Mis-Deception by members of the Geoengineering movement to keep us from knowing what is really going on and why the very life giving system of Earth is completely manufactured by land and ocean Wet Surface Air Coolers (WSAC)_making massive amounts of steerable water vapor into weather when combined with Aerosol spraying of chemtrails.

View original post

Crossing the Mediterranean Sea by Boat Mapping and Documenting Migratory Journeys and Experiences

Abstract:

This is the final project report of the Crossing the Mediterranean Sea by Boat project. The report provides a unique, in-depth analysis of the impact of EU policies in addressing the so-called European migration or refugee ‘crisis’ in 2015 and 2016, drawing on the findings from 257 in-depth qualitative interviews with a total of 271 participants across seven sites in two phases: Kos, Malta and Sicily from September-November 2015, and Athens, Berlin, Istanbul and Rome from May-July 2016.

Uniquely, the project report focuses directly on the impact of policies upon people on the move, drawing together policy analysis and observational fieldwork with in-depth analysis of qualitative interview data from people making – or contemplating making – the dangerous journey across the Mediterranean Sea. As such, the report provides previously-unconsidered insights into the effects of policy on the journeys, experiences, understandings, expectations, concerns and demands of people on the move.

In addition to providing seven site-based case study analyses, the project also provides the first detailed assessment of policies associated with A European Agenda on Migration in terms of policy effects both across routes (eastern and central Mediterranean) and over time (2015 and 2016). The findings and analysis summarised in this report are presented with the aim of informing policy developments, moving forward.

download PDF from Academia.edu

From radar systems to rickety boats: Borderline ethnography in Europe’s ‘illegality industry’

  • Abstract:

This paper is concerned with the problems and possibilities that mobility poses for social scientific research, as seen through the lens of my own work on irregular migration from West Africa towards southern Spain. I begin with two contrasting vignettes from Europe’s borders that illustrate the paradoxical role of mobility in the continent’s escalating ‘fight against illegal migration’ – as well as the challenges involved in grappling with such mobility ethnographically.

 

  • Uploaded by
    Ruben Andersson

 

download PDF from Academia.edu

La parziale cancellazione del debito greco fallisce all’ultimo minuto, sotto i colpi di Germania ed FMI

A Protestor holds a placard with a Greek flag during a demonstration outside of an EU summit in Brussels on Sunday, Oct. 23, 2011. Greece’s prime minister George Papandreou is pleading with European leaders in Brussels to act decisively to solve the continent’s debt crisis. At a summit Sunday, the leaders are expected to ask banks to accept huge losses on Greek bonds to ease the pressure on the country, and to raise billions more in capital to weather those losses. (AP Photo/Geert Vanden Wijngaert)

La parziale cancellazione del debito greco fallisce all’ultimo minuto, sotto i colpi di Germania ed FMI

L’insolvente Grecia, che settimana scorsa ha votato per ulteriore austerità, sperando così di poter ricevere fondi europei per ripagare la BCE, si è di nuovo impelagata in negoziazioni sul proprio debito. Proprio all’ultimo, però, il ministro delle finanze europeo ha dato parere negativo.

I ministri delle finanze dell’area euro si sono riuniti oggi a Bruxelles con la speranza, soprattutto i greci, di tornare a casa con un accordo firmato. Non si è però rotta l’impasse sulla riduzione del debito ellenico, si è solo rinviata la discussione a luglio.

“L’Eurogruppo ha tenuto una discussione approfondita sulla sostenibilità del debito pubblico greco, ma non ha raggiunto un accordo”, ha dichiarato Jeroen Dijsselbloem, ministro delle finanze olandese, che presiede le riunioni con i suoi pari europei e che ancora non ha raggiunto una soluzione, dato che il suo collega tedesco Schauble ha negato ogni possibile concessione. Ricordiamo che, sin dal terzo salvataggio greco nell’estate del 2015, FMI e Germania sono in disaccordo sulla prospettiva economica dei greci e sulla quantità di debt relief necessario per garantirle stabilità: è stato lo stesso dibattito che ha impedito un accordo ieri.

Il grosso problema è quello che succederà all’economia greca dopo il 2018, quando scade l’attuale bailout. Il FMI, che ha chiesto debt haircuts per finanziare il salvataggio in corso, ha ripetutamente sollevato dubbi sulla capacità del paese di mantenere buone prestazioni di bilancio nei prossimi anni – un po’ come la previsione della Bank of America per il PIL americano fino al 2027, che prevedeva esattamente zero recessioni… I creditori invece stanno spingendo per una prospettiva più positiva (chissà chi avrà ragione…). Il motivo di questa discordia è che obiettivi fiscali meno ambiziosi aumenterebbero l’ammontare del debt relief necessario, nel mentre che la popolazione continua a soffrire.

Come ha spiegato Bloomberg dopo l’ultima riunione, le misure di debito proposte dai ministri delle finanze dell’area euro non avevano convinto l’FMI a sostenere il bailout, dato che dichiarano inequivocabilmente che tale debito è comunque sostenibile.

I ministri cominciano ad avercela un po’ col Fondo, e gli faranno pressione per prendere delle decisioni prossimamente.

Comunque sia, i lavori continueranno nelle prossime settimane, con l’obiettivo di giungere ad una conclusione il 15 giugno, nella prossima riunione, ha detto Dijsselbloem.

Lo scorso maggio, sono state dettate una serie di misure volte a ridurre i rimborsi sui prestiti per il salvataggio greco, da adottare dopo la fine del programma nel 2018. Come verranno attuate è ancora poco chiaro.

Tra le opzioni elencate c’è l’estensione delle scadenze sui prestiti dell’area euro verso la Grecia, nonché la limitazione e il differimento dei pagamenti di interessi. Il FMI vuole maggior specificità, in modo che le esigenze annuali di rifinanziamento del debito vengano mantenute al di sotto di soglie chiaramente definite.

Secondo Bloomberg, dopo otto ore di colloqui e molteplici tentativi di compromessi, Atene e relativi creditori non sono riusciti a raggiungere un accordo che alleviasse il proprio debito e che convincesse il Fondo ad accettare di contribuire a finanziare il salvataggio del paese. L’FMI, prima di partecipare al programma, ha spinto i creditori europei ad assicurare la sostenibilità degli impegni greci, valutati 315 miliardi di euro (354 miliardi di dollari). Alcune nazioni, tra cui la Germania, sono contrarie ad una ristrutturazione del debito, insistendo anche sul fatto che il fondo stesso debba unirsi al programma per dare credibilità al salvataggio.

Il motivo per cui non si trovano accordi è che la Grecia non ha grosse scadenze fino a luglio, quando dovrà pagare 7 miliardi di euro in obbligazioni, e l’Europa ha l’abitudine di aspettare fino all’ultimo prima di erogare i fondi, che Atene poi girerà alla BCE.
Questi rallentamenti si aggiungono a mesi di incertezza, che si sono fatti sentire sull’economia greca – ritornata in recessione – e che hanno impedito al paese di tornare sul mercato obbligazionario.
Nonostante la crisi, Dijsselbloem ha anche dichiarato che le parti hanno concordato un obiettivo per l’avanzo primario greco, che escluda i pagamenti degli interessi, pari al 3,5% del PIL fino al 2022. Il che è buffo: proprio Draghi, all’epoca a Goldman, mascherò la montagna del debito greco e fece sembrare che il paese avesse molta eccedenza. Il risultato finale è stato non uno, non due, ma tre bailout sul debito.

“Le autorità greche si stanno assumendo le proprie responsabilità e penso che anche i partner della Grecia lo stiano facendo”, ha dichiarato il commissario europeo per gli affari economici e monetari, Pierre Moscovici. “C’è stato uno sforzo comune per ridurre il divario tra le posizioni – non abbiamo ancora concluso, ma spero che sotto la guida del presidente dell’Eurogruppo sarà possibile farlo tra tre settimane”.

Un’ulteriore riduzione del debito è necessaria alla BCE, che deve includere obbligazioni greche nel suo programma di acquisto di beni, che faciliterà l’accesso del paese ai mercati obbligazionari. È proprio nella speranza di ammorbidire i creditori che il governo greco ha approvato ulteriori misure di austerità, tra cui tagli alle pensioni, aumenti delle tasse e altre riforme strutturali. L’inclusione del paese nel QE della BCE ha portato alla più lunga striscia vincente degli ultimi anni sul mercato dei capitali greco.

Al momento attuale, però, la Grecia dovrà aspettare fino a luglio per le obbligazioni da 7 miliardi, e molto probabilmente fino all’ultimo minuto.

 

Fonte: http://www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2017-05-22/greek-debt-relief-deal-fails-last-minute-germany-imf-clash

Scelto e tradotto per http://www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Monsanto è colpevole di crimini contro l’umanità e l’ambiente

5 MINUTI PER L'AMBIENTE

Il “Tribunale Monsanto” ha emesso la sua sentenza contro la multinazionale americana che è stata dichiarata colpevole di crimini contro l’umanità e l’ambiente. Lo scorso 18 aprile il Tribunale Monsanto ha reso noto il suo parere legale nei confronti dell’azienda multinazionale più contestata al mondo, dopo aver analizzato per 6 mesi (1) le testimonianze di oltre 30 testimoni, tra esperti del settore agrario, avvocati e vittime dei danni causati dalle attività del colosso dell’agrochimica e della biotecnologia. Il Tribunale Internazionale Monsanto, tenuto da 5 giudici d’eccezione, è un “Tribunale d’Opinione”, fortemente voluto dalla società civile per chiarire una volta per tutte le obbligazioni legali di molte delle condotte dell’azienda multinazionale omonima.monsanto_tribunal_0_0

Le domande fondamentali che sono state poste e sulle quali la società civile ha chiesto il parere consultivo dei giudici del Tribunale erano sei. La prima domanda era legata al diritto ad un ambiente sano, in altre parole si…

View original post 732 altre parole

Greeks Just Voted Against Austerity. Here’s Why They’re Right.

On Sunday, Greeks overwhelmingly voted against a European deal to extend financing to the country’s banks that would have required more harsh austerity measures on the part of the government. Prime Minister Alexis Tsipras, who came to power in large part on a promise to reject more austerity measures, had called the referendum to get more bargaining power in the dealmaking process. Greeks rejoiced at the news of the vote.

read on ThinkProgress

Venezuela: manuale di autodifesa dallo stupro di verità

Il simplicissimus

IMG_20170516_191431Mettiamoci nei panni di un abitante del pianeta terra che per informarsi sul Venezuela non ha che i media mainstream occidentali, che sente e legge ogni giorno di “manifestanti” e “repressione”: inevitabilmente finirà per credere che la popolazione sia in rivolta nelle piazze mentre il governo non fa che reprimere la protesta. Non potrebbe mai immaginare che in Venezuela non esiste in realtà alcuna rivolta popolare, che le manifestazioni partono esclusivamente dai quartieri residenziali dei ricchi, che violenza, uso delle armi  e terrorismo vengono proprio dagli organizzatori di queste falangi, che i media possono trasformare il 2% della popolazione in popolazione tout court e le piccole isole urbane di privilegio nel “Venezuela”.

Non possono immaginarlo perché vedono immagini del tutto fuori contesto e leggono parole fuori dignità, non possono pensarlo ancorché tutto questo faccia parte di un copione adottato ormai un’infinità di volte: sono abituati, anzi piegati alla pseudo verità hollywoodiana, espressione che…

View original post 1.105 altre parole

Destablishment. Un nuovo totalitarismo

di Enrico Euli*

La divaricazione del mondo si accentua. In ogni società occidentale metà della popolazione elegge come leader chi non sta con l’establishment (Beppe Grillo) contro l’altra metà che continua a sostenerlo.
E chi sta con i poteri forti deve, per farsi votare, far finta di non starci, almeno sino a quando non lo eleggono e può ammettere finalmente di starci (vedi Matteo Renzi o Emmanuel Macron). Oppure non può fare a meno di obbedir loro anche non volendo o avendo fatto una campagna elettorale contro di loro e per questo era stato eletto (ad esempio Alexīs Tsipras).

I poteri forti dicono: è meglio che tu non sia eletto, ma sia eletto un altro; ma se proprio verrai eletto, visto che la democrazia elettorale ha i suoi limiti, allora sappi che non potrai governare, non te lo permetteremo mai, perlomeno per come vuoi tu, ti faremo impazzire (vedi Donald Trump e, si parva licet, Virginia Raggi).

In passato, lo stesso Silvio Berlusconi ha avuto problemi simili, ed è stato sostituito da Mario Monti e Enrico Letta, molto più affidabili per l’establishment (ma molto meno amati dal “popolo”). Ecco perché è anche lui ha dovuto sempre farsi accompagnare da un Gianni Letta o da un Fedele Confalonieri, e anche perché in futuro, se vorrà governare, dovrà e potrà farlo solo insieme a Matteo Renzi. Se ci pensate, lo stesso Beppe Grillo – d’altronde – non potrebbe fare un passo senza la Casaleggio Associati.

Ecco perché, al momento, per i media di regime e i poteri forti, personaggi come la Marine Le Pen, Nigel Farage, Beppe Grillo, Metto Salvini (ma anche Jeremy Bernard Corbyn o Jean-Luc Melenchon) non sono candidabili a governare un paese occidentale e, almeno per ora, non possono vincere le elezioni. Sono accusati di essere inaffidabili, populisti, anti-politici. Come se non fosse la politica oggi, tutta, ad essere anti-politica.

Ma cosa c’è di meglio, per un Matteo Renzi o un Emmanuel Macron, di trovarsi di fronte un Matteo Salvini o una Marine Le Pen? Hanno già vinto prima di iniziare, visto che tutti gli altri avversari potenziali si sono suicidati o sono stati eliminati. E gli astensionisti, seppur numerosi, non contano nulla. Ma per quanto potrà durare?

Il liberismo sta creando paura, risentimento, invidia sociale, odio razzistico, individualismo e familismo estremo, rottura dei legami sociali e fiduciari residui, ricatti lavorativi e guerre tra poveri, squilibri psichici e depressione. Tutto questo ci sta portando già verso un nuovo totalitarismo politico: Vladimir Putin, Recep Tayyip Erdogan, Benjamin Nethanyau, Donald Trump assomigliano insieme a dei prototipi e a degli sperimentatori. E il futuro gli appartiene.

.* Ricercatore alla Facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari, in cui è docente di Metodologie e tecniche del gioco, del lavoro di gruppo e dell’animazione. Ha pubblicato vari testi ed articoli, l’ultimo: Fare il morto (Sensibili alle foglie). Ha aderito alla campagna Facciamo Comune insieme.

http://comune-info.net/2017/05/destablishment-liberismo/

Wallah – Je te jure. movie with French sub

“Wallah – Je te jure” raconte les histoires d’hommes et des femmes voyagent sur les routes de migration ouest-africaines vers l’Italie. Les villages ruraux du Sénégal, les gares routières du Niger et les ghettos pleins de trafiquants, de places et de maisons italiennes sont le fond de ces voyages courageux qui finissent souvent par la tragédie. Peu importe le coût, l’objectif pour atteindre l’Europe sera atteint, “Wallah”. Mais il y a ceux qui, fatigués du voyage, rentrent chez eux.